mercoledì 1 ottobre 2014

DOMANI IN LIBRERIA #166

Domani, altra carrellata di uscite. Torna in libreria Valentina D'Urbano, e con lei Steve Berry. La Newton fa il pieno di uscite, e Garzanti ci propone il nuovo romanzo di John Harding, ai più noto per il suo precedente romanzo, La biblioteca dei libri perduti. Ho dovuto fare una selezione perché le uscite di domani sono davvero tantissime! 

DOMANI IN LIBRERIA




Titolo:  Quella vita che ci manca
Autore: Valentina D'Urbano
Editore: Longanesi
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 332
Prezzo: 14.90
Ebook: 9.99
Trama: Gennaio 1991. Valentino osserva le piccole nuvole di fiato che muoiono contro i finestrini appannati della vecchia Tipo. L'auto che ha ereditato dal padre, morto anni prima, non è l'unica cosa che gli rimane di lui: c'è anche quell'idea che una vita diversa sia possibile. Ma forse Valentino è troppo uguale al posto in cui vive, la Fortezza, un quartiere occupato in cui perfino la casa ti può essere tolta se ti distrai un attimo. Perciò, non resta che una cosa a cui aggrapparsi: la famiglia. Valentino è il minore dei quattro fratelli Smeraldo, figli di padri diversi. C'è Anna, che a soli trent'anni non ha ormai più niente da chiedere alla vita. C'è Vadim, con la mente di un dodicenne nel bellissimo corpo di un ventenne. E poi c'è Alan, il maggiore, l'uomo di casa, posseduto da una rabbia tanto feroce quanto lo è l'amore verso la sua famiglia, che deve rimanere unita a ogni costo. Ma il costo potrebbe essere troppo alto per Valentino, perché adesso c'è anche lei, Delia. E più grande di lui, è bellissima - ma te ne accorgi solo al secondo o al terzo sguardo - e, soprattutto, non è della Fortezza. Ed è proprio questo il problema. Perché Valentino nasconde un segreto che non osa confessarle e soprattutto sente che scegliere lei significherebbe tradire la famiglia. Tradire Alan. E Alan non perdona. Questo è un romanzo sull'amore, spietato come solo quello tra fratelli può essere. Ma è anche un romanzo sull'unico altro amore che possa competere quello che irrompe come il buio in una stanza.





Titolo: La congiura del silenzio
Autore: Steve Berry
Editore: Nord
Genere: Legal thriller, spionaggio
Pagine: 411
Prezzo: 14.60
Ebook: 9.99
Trama: Washington, 1861. Non tutto è come sembra. .. Con queste enigmatiche parole, Abraham Lincoln riceve dalle mani del suo predecessore una lettera e alcuni documenti. Come ogni presidente prima di lui, leggendo quelle carte Lincoln viene a conoscenza di un segreto sconvolgente che, se rivelato, potrebbe placare i venti di guerra che soffiano sull'Unione. Ma le conseguenze sarebbero devastanti... Copenhagen, oggi. La persona giusta al momento giusto. Così lo ha definito Stephanie Nelle, il suo ex capo al dipartimento di Giustizia, quando gli ha chiesto di ritrovare un agente della Sezione Magellano, rapito mentre era in missione in Danimarca. E infatti solo Cotton Malone poteva arrivare in tempo in Svezia per salvare da morte certa Berry Kirk, l'unico testimone del rapimento. Tuttavia gli bastano pochi minuti per rendersi conto che Berry Kirk non è affatto chi dice di essere, bensì proprio uno degli uomini su cui stava indagando l'agente scomparso. E adesso Malone non ha scelta: per uscire vivo da quella situazione, deve stare al gioco. Anche se ciò significa lasciarsi condurre sulle tracce di una verità antichissima, una verità che nessuno ha mai avuto il coraggio di divulgare e che, se finisse nelle mani sbagliate, potrebbe segnare la fine dell'intero genere umano... 





Titolo: L'inganno delle pagine perdute
Autore: John Harding
Editore: Garzanti
Genere: Narrativa 
Pagine: 263
Prezzo: 16.40
Ebook: 9,99
Trama: L'istituto con le sue antiche torri svetta solitario sull'isola sferzata dal vento. Quella è l'unica casa che Jane conosce. Perché Jane, bellissima e silenziosa, non ricorda chi è. Non ricorda la sua età né da dove proviene. Non sa più leggere né scrivere. Ma quello che non ha dimenticato è che i libri hanno tutte le risposte. Nel buio e tetro edificio la sua stanza preferita è la biblioteca. Sente come uno strano richiamo che la attira verso quel luogo. Quel luogo in cui non può entrare. E proibito. Fino al giorno in cui arriva qualcuno in grado di aiutarla: il dottor Shepherd. L'uomo non crede nei metodi di cura crudeli e violenti usati dagli altri medici. Crede che i libri abbiano il potere di arrivare nel profondo delle persone. Il potere di far ritrovare sé stessi. Giorno dopo giorno i versi di Shakespeare e i romanzi di Charles Dickens fanno riaffiorare piccoli frammenti nella memoria di Jane. Circondata dalle pagine che ha sempre amato, è forte la tentazione di riportare in superficie il passato. Quel passato che deve essere messo a tacere. Deve stare attenta perché mentire non è più così semplice. Per nessuno. Nemmeno per il dottor Shepherd. La sua attenzione per Jane nasconde qualcosa di più oscuro. Eppure proprio lui è la sua unica salvezza. E quando fra i corridoi dell'istituto cominciano a riecheggiare rumori sinistri e avvengono morti misteriose, non c'è più tempo. I loro destini sono legati. L'uno ha bisogno dell'altra...





Titolo: E tu mi vorrai bene? La storia di Lucy, la mia bambina
Autore:  Cathy Glass
Editore: TRE60
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 332
Prezzo: 14.90
Ebook: 6.99
Trama: "Questo libro è la storia della piccola Lucy, la bambina che ho adottato... Mi era stata affidata quando non aveva un posto dove stare, ma alla fine è rimasta con me... con noi." Figlia di una ragazza madre, dal vissuto difficile e doloroso, Lucy, fin dalla nascita, non riceve l'affetto, le cure e le attenzioni di cui un bambino ha bisogno. Nonostante le segnalazioni ai servizi sociali da parte degli insegnanti e degli adulti che vengono a contatto con lei, Lucy viene data in affidamento soltanto all'età di otto anni. Ma i problemi per lei non terminano. Spostata da una famiglia all'altra, Lucy rimane sempre chiusa nel suo mondo fatto di silenzio, solitudine e di rabbia. Sino a quando Cathy Glass non la accoglie nella sua famiglia. Lucy ha undici anni: è schiva, scontrosa, si rifiuta di mangiare, ha continui sbalzi di umore e il suo rendimento a scuola è pessimo. Il suo caso sembra irrimediabile, ma grazie al calore e all'affetto non solo da parte di Cathy, ma anche dei suoi nuovi fratelli, Lucy comincia ad aprirsi al mondo e alla vita. Ma non solo... Lucy troverà in Cathy la mamma che ha sempre sognato e Cathy una figlia a cui dare per sempre tutto l'amore che per tanto tempo le è mancato.





Titolo: Il gusto della vita insieme. Elogio della coppia
Autore: Claude Habib
Editore: Ponte alle Grazie
Genere: Saggi
Pagine:   131
Prezzo: 14.00
Ebook: 9,99
Trama:  Dietro e accanto alla scoppiettante e variegata apparenza dell'amore, ai travagli e ai piaceri della passione, c'è la vita insieme. La felicità di cui parla l'ultima frase delle favole è un desiderio che, una volta soddisfatto, presto o tardi si tramuta in quotidianità; la contentezza prende facilmente il sapore della noia; la consuetudine finisce per escludere ogni sorpresa. Ebbene, secondo Claude Habib, filosofa e scrittrice che non ha paura di pensare controcorrente, tutto ciò non è affatto un male, anzi. La quiete laboriosa del nido che ci siamo scelti e dove torniamo a "ripararci", insieme e grazie all'altro, è il luogo d'elezione in cui troviamo noi stessi, uno spazio di autentica libertà. Anche se, fuori di lì, tutti sembrano sostenere il contrario: chi in nome di concetti astratti di uguaglianza o parità, chi di un'idea banale e consumistica del piacere; anche se tutto, dalla sociologia alla cronaca nera, racconta di rapporti in crisi, di dinamiche patologiche, di abissi spalancati sul male assoluto. Partendo da radici di pensiero profondamente laiche, chiamandoci a osservare e apprezzare in tutto il suo prodigioso dettaglio la magia della cura quotidiana, questo libro tesse un elogio appassionato e commovente della coppia ed eleva un inno alla vita insieme, che, in tutta la sua imperfezione e fragilità, non smette di riproporsi, giorno dopo giorno, come la promessa di felicità nella quale almeno una volta nella vita possiamo credere tutti.




Titolo: La strada dei delitti
Autore: Massimo Lugli
Editore: Newton Compton 
Genere: Thriller
Pagine: 415
Prezzo: 9,90
Ebook:  4,99
Trama: Bambini che vivono nel sottosuolo, ragazzini rapiti o venduti, smistati da un giro di spietati aguzzini e portati in Italia, costretti a mendicare, a prostituirsi, a rubare, a recuperare metallo, vetri o indumenti usati dai cassonetti. Adolescenti sfruttati e ceduti a grandi organizzazioni criminali per un giro di trapianti di organi in Italia e all'estero: è questo l'orrore nascosto su cui il cronista/investigatore Marco Corvino, ormai alle soglie della pensione, si trova a indagare quasi per caso, dopo il ritrovamento del corpo di un bambino senza nome. La sua vita e quella di suo figlio Paolo si intrecceranno con i disperati vagabondaggi di un tredicenne in fuga dai suoi carcerieri, deciso a tornare nel suo Paese per vendicarsi di chi lo ha fatto soffrire in modo indicibile. E per Marco Corvino, a quel punto, scoprire la verità diventa una scommessa che non può perdere.





Titolo: Il venditore di cappelli. 
Autore: Elda Lanza
Editore: Salani
Genere: Gialli, mistery, noir
Pagine:  464
Prezzo: 15.90
Ebook: 9.99
Trama: Non c'è tregua per Max Gilardi: viene contattato dalla polizia in merito alla sparizione di Domenico Sarli, cappellaio. Nel suo negozio è stata infatti trovata una busta indirizzata proprio a Gilardi, che però è vuota. Gli investigatori sono alle prese da un paio di settimane anche con il ritrovamento di un cadavere irriconoscibile, e poi c'è un ragazzo, forse innocente, da difendere. Ma ci sono anche due donne, diversissime tra loro, che si contendono un posto nel cuore dell'affascinante avvocato napoletano, e torbide storie molto in alto che devono venire alla luce... Il terzo libro che Elda Lanza dedica a Max Gilardi rappresenta un lungo tratto di quel viaggio che accompagna l'eroe verso il suo definitivo ritorno: un romanzo nel quale il cappello diventa simbolo di saluto, di eccellenza, di cortesia. Ma anche del cilindro dal quale il prestigiatore estrae il coniglio... Come sempre Elda Lanza non si limita a raccontare Napoli, ma permette al lettore di viverla, con i suoi colori, odori e abitanti...





Titolo:  La fortezza
Autore: Jennifer Egan
Editore: Minimum fax
Genere: Narrativa
Pagine: 200
Prezzo: 18,00
Ebook: 11.99
Trama:  Danny, 35 anni, newyorkese d’adozione, drogato di internet e di public relations ma senza un impiego degno di tal nome, si ritrova, grazie a un invito inaspettato, in un castello medievale dell’Europa Centrale, che suo cugino Howard ha comprato e vuole ristrutturare per farne un resort di lusso dedicato al silenzio e alla meditazione: l’invito ha forse a che fare con il traumatico passato che lega i due? Il senso di spaesamento e minaccia che Danny prova è frutto di paranoia o il castello, fra i suoi intricati corridoi e i bizzarri personaggi che lo abitano, nasconde davvero un mistero? E ancora: chi è il narratore che sta scrivendo questa storia, perché è detenuto in un carcere di massima sicurezza, quale rapporto ha con i due cugini? Un classico romanzo «gotico», nelle mani geniali di Jennifer Egan, diventa un affascinante gioco letterario e una riflessione sul reale e il virtuale nella società contemporanea; ma al tempo stesso, fra atmosfere da ghost story e sorprendenti colpi di scena, non smette di tenere il lettore col fiato sospeso fino all’ultima pagina.




Titolo: Un favoloso appartamento a Parigi
Autore: Michelle Gable
Editore: Newton Compton
Genere: Narrativa rosa
Pagine: 439
Prezzo: 9,90
Ebook: 4.99
Trama: Alla timida e romantica April, antiquaria e critico d'arte, viene proposto di andare a Parigi, dove pare ci sia un appartamento abbandonato da oltre settant'anni, pieno di mobili provenienti da tutto il mondo, gioielli preziosi e quadri di inestimabile valore. Su tutti spicca un dipinto, firmato dal pittore italiano Giovanni Boldini: chi è quella donna bellissima avvolta in un sontuoso abito rosa? E Marthe de Florian, la proprietaria dell'appartamento ai tempi della Belle Epoque. Incuriosita, April comincia a studiare le carte, i diari e le lettere di Marthe, con l'aiuto del collega francese Luc Thebault. Scoprirà gli amori di una donna determinata a raggiungere il successo, e la sua ambigua carriera dal Le Folies Bergère ai lussi dell'appartamento nel cuore di Parigi, quando riuscì a diventare una delle donne più corteggiate della città, amata e servita dai suoi ricchi spasimanti. E scavando nella storia di Marthe, April troverà l'ispirazione...




Titolo:  Inconfessabili segreti
Autore:  Amanda Jennings
Editore: Newton Compton
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 406
Prezzo: 9,90
Ebook: 4,99
Trama:  Quando Anna Thorne, la ragazza più popolare, amata e benvoluta, ha perso la vita, precipitando tragicamente dal tetto della scuola, tutta la città è piombata nel dolore più cupo. E trascorso un anno da allora, ma per la famiglia Thorne è impossibile superare la perdita. Il matrimonio di Jon e Kate è ancora in crisi dopo la più dura delle prove. Lizzie, poi, sta cercando di trovare la propria identità, stanca di essere sempre riconosciuta come la sorellina della povera ragazza morta. E nella ricerca della felicità può capitare di lanciarsi a capofitto in una torbida storia d'amore proibita... Ma un giorno, all'improvviso, tutto cambia: un inconfessabile segreto viene alla luce, rivelando dettagli che nessuno avrebbe mai immaginato sulla tragica ultima notte di Anna. Che cosa è realmente accaduto? Che cosa nascondeva Anna? Una verità devastante, a volte, può essere il più efficace dei rimedi...





Titolo: The familiars. Il segreto della corona
Autore: Andrew Jacobson - Adam J. Epstein 
Editore: Newton compton
Genere: Narrativa per ragazzi
Pagine: 311
Prezzo: 9,99
Ebook: 5.01
Trama: Una nuova minaccia si è abbattuta sul regno di Vastia: gli umani sono stati privati dei loro poteri e l'unico modo per annullare la maledizione è trovare la Corona del leggendario Leopardo Bianco, un'antica reliquia scomparsa. Ma se i maghi non possono disporre della magia, non resta che affidare l'arduo incarico ai loro famigli. Così il gatto telecinetico Aldwyn, la saccente ghiandaia Skylar e Gilbert, la rana pasticciona, intraprenderanno un nuovo avventuroso viaggio che li porterà verso l'Oltre, alla ricerca del prezioso reperto. I tre coraggiosi famigli scopriranno che l'unico modo per salvare Vastia è mettersi sulle tracce del padre di Aldwyn, scomparso anni prima proprio mentre cercava la Corona. Tra mille insidie e pericolosi nemici, l'ex gatto randagio si troverà così di fronte al suo misterioso passato. Età di lettura: da 12 anni.




Titolo: Magia di un amore
Autore: Lisa Keyplas
Editore: Leggereditore
Genere: Romance storico
Pagine: 368
Prezzo: 10.00
Ebook: 4.99
Trama:  Lady Aline Marsden è stata cresciuta con uno scopo: concludere un matrimonio vantaggioso con un membro della propria classe sociale. Invece si è donata a John McKenna, uno stalliere. Una trasgressione imperdonabile, al punto che, per proteggere John dall’ira paterna, Aline gli fa credere di volerlo respingere a causa della sua umile condizione. Così il giovane viene cacciato dalla proprietà e lei confinata in campagna, lontana dalla vita londinese. Trascorsi dieci anni, l’ex stalliere ha fatto fortuna ed è tornato, più ardito e affascinante di prima, per vendicarsi della donna che gli ha infranto il cuore. Ma tra loro la magia è immutata, e John dovrà decidere se portare a termine il suo piano o rischiare tutto per quell’unico vero amore.




#2 Love by numbers
Titolo: Dieci cose da seguire per non farselo sfuggire
Autore: Sarah Mac Lean
Editore: Leggereditore
Genere: Romance storico
Pagine: 405
Prezzo: 14.00
Ebook: 4.99
Trama: Da quando è stato nominato lo scapolo più affascinante di Londra da una popolarissima rivista, Nicholas St. John non ha avuto pace. Perseguitato senza tregua da ogni zitella in cerca di marito, non vede l’ora di fuggire dalle trappole della mondanità. Ma finisce tra le braccia di una delle donne più determinate e deliziose che abbia mai incontrato...
Di famiglia nobile, Lady Isabel Townsend ha troppi segreti e poco denaro. È abituata a cavarsela da sola, ma dopo la morte del padre si ritrova disorientata e bisognosa di aiuto, con un fratello minore da proteggere e cui badare. Lord Nicholas, così peccaminosamente bello e pronto da sposare, si presenta come la sua unica salvezza. Ma neanche il migliore dei piani può prevedere le conseguenze che potrebbe avere il più ingestibile degli imprevisti: l’amore!




Titolo:  Il conte di Glacrae
Autore: Stephanie Laurens
Editore: Leggereditore
Genere: Romance storico
Pagine: 366
Prezzo: 10,00
Ebook: 4,99
Trama:  La caparbia Angelica Cynster è certa che riconoscerà a prima vista l’uomo destinato a diventare suo marito. Quando i suoi occhi incontrano quelli di un misterioso nobiluomo, capisce senza ombra di dubbio che lui è quello giusto. Ma presto il suo cuore batterà forte per il motivo sbagliato: la sua anima gemella in realtà ha deciso di rapirla.
L’uomo misterioso in verità è l’ottavo conte di Glencrae e non ha scelta, ha dovuto rapire Angelica, l’unica delle sorelle Cynster con cui non ha mai voluto invischiarsi. Per salvare il suo castello e la sua famiglia, deve persuaderla ad aiutarlo... ed è pronto a chiederne la mano per siglare l’accordo!

OGNI TUO SILENZIO Laura Mercuri Recensione

Per assurdo, quando mi trovo in difficoltà nel dare un'opinione di quello che ho letto, so che quel romanzo ha toccato le corde più profonde, è riuscito a colpirmi in modo diverso e inatteso. Insomma si è preso lo spazio che meritava e ha attirato la mia empatia... e vi assicuro che ultimamente non è facile. Questo è un romanzo da trattare con riguardo, rispetto e ammirazione. Uno scrigno di sentimenti e emozioni che trasmettono delicatezza e tenerezza, come una nevicata che leggera si posa sul bosco, imponendo fiocco dopo fiocco un silenzio ammaliante capace di dare al cuore una carezza potente. Quello che colpisce il lettore è il messaggio, i silenzi spesso valgono più di mille parole... quanto è vero! Quanti di noi hanno riconosciuto l'amore che si esprime con uno sguardo e con il cuore, senza la necessità di mettere una parola dietro l'altra? Questo è quello che succederà a due giovani amanti, che si sono trovati, riconosciuti nel silenzio di uno sguardo, nella potenza di un sorriso. Tutto ciò che condividono è guadagnato con il rispetto, l'amore e la fiducia, ma per arrivare a questo dovranno mettere una mano sul proprio cuore e la propria coscienza e mettersi davvero a nudo uno davanti all'altra, portando in superficie tutto il ghiaccio che attanaglia il cuore. Non abbassate la guardia perché Laura Mercuri metterà alla prova la vostra empatia.


L'incontro di due solitudini profondissime che si trovano e si riconoscono.  
Una storia d'amore e di amicizia, dove i silenzi significano comprensione, 
e la fantasia è l'unica arma per far fronte a una realtà troppo dura da sopportare.


OGNI TUO SILENZIO
Laura Mercuri

Editore: self-publishing
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 288
Prezzo: 1.99



Trama

Grazie alla piccola somma che la madre è riuscita a mettere da parte per lei, Emilia lascia l'Abruzzo per rifugiarsi tra le montagne del nord, in Trentino. 
Bren, un paese ai margini delle località turistiche, la accoglie con i suoi boschi e i suoi torrenti impetuosi, ma anche con sguardi che non la abbandonano un istante, pur nell'apparente indifferenza.  
Ma a Emilia non importa, l'unica cosa che desidera è trovare un po' di serenità nella casetta al limitare del bosco che ha preso in affitto. 
Tuttavia, passare inosservati non è così facile, e presto molti sguardi la seguono, diffidenti. 
Chi è questa ragazza dai capelli rossi che arriva dal Sud, cosa nascondono i suoi occhi tristi? Per quale motivo Aris, il giovane e solitario falegname del paese, non riesce a staccarle gli occhi di dosso?   
E soprattutto, perché la segue ogni sera fino a casa, nascondendosi come un'ombra fra gli alberi? 
Nonostante le prime difficoltà, Emilia riesce a trovare dei lavoretti, prima come commessa in un fioraio, poi nell'unica libreria del paese. E dopo un lungo gioco di sguardi e di incontri appena sfiorati, la ragazza prende coraggio ed entra nel laboratorio di Aris, chiedendogli di creare per lei una piccola libreria. 
L'attrazione tra i due è immediata, e il magnetismo che li lega è evidente. Lei con il suo amore per i libri, la sua fantasia, la sua voglia di ricominciare, lui con i suoi silenzi, la sua delicatezza mentre lavora il legno, la sua forza nascosta. 
Presto i due comprendono di essere complementari,diversi e identici allo stesso tempo. 
Ma se le ombre che da sempre accompagnano entrambi divenissero un ostacolo insormontabile? 



Opinione di foschia75

Due ragazzi che diventano adulti attraverso i gesti, gli sguardi le carezze.
La consapevolezza che per amare è prima necessario sapersi perdonare,
perché i sensi di colpa sono incompatibili con un futuro insieme.

Amare significa non dover mai dire mi dispiace.

Difficile riuscire a spiegare la grazia, la tenerezza e l'intensità di questa storia, che inizia adagio per poi involarsi in qualcosa di assoluto. Se dovessi associare il romanzo di Laura Mercuri a un'immagine, mi viene subito in mente una palla di vetro, di quelle con un paesaggio innevato, degli abeti sullo sfondo e due figurine abbracciate al centro. La agito e quella neve ricade lieve sui due innamorati che chiusi nella loro "bolla" affrontano le profonde insicurezze, abbattono le diffidenze per ritrovarsi più innamorati che mai. Due giovani che amandosi cresceranno, diventeranno due adulti coscienti del grande potere che il destino ha messo nelle loro mani... e tutto in ogni loro silenzio, ogni loro sguardo, ogni loro carezza, che vale più di tante parole o dichiarazioni d'amore. Non è importante dirsi Ti amo, importante è dimostrarlo, essendoci sempre, nel bene e nel male, anche quando l'ombra del dubbio ti divora l'anima. Laura Mercuri ha  creato una bolla sospesa nel tempo e nello spazio, ha scelto un'ambientazione elogio della lentezza, senza la quale non sarebbe stata la stessa storia, perché questo romanzo racconta di una realtà lontana dalla frenesia delle grandi città, dove il tempo è scandito da una nevicata o dal campanile del paese, dove si conoscono tutti e dove lo straniero fa fatica ad "attecchire". Penso che in posti come questi ci sia la possibilità di riappropriarsi dei sentimenti e dei rapporti umani, tra cui l'amore così imprevedibile e inspiegabile, che arriva improvviso come una folata di vento e cambia tutte le nostre prospettive. Questo è quello che succederà a Emilia Russo, quando giungerà a Bren, un micro-mondo in mezzo alle montagne, quello che sarà il suo rifugio dopo la perdita della madre. Ogni tuo silenzio è uno scrigno di emozioni, dalle più ingenue e fresche, alle più intense e malinconiche. Emilia e Aris, i due protagonisti sono due persone molto diverse, e nonostante questo si leggono quasi nel pensiero, non hanno bisogno di parlare per provare l'uno all' altra quello che provano o quello che pensano, basta un sorriso o uno sguardo, una carezza o un bacio lieve e innocente. Ma non è tutto un idillio come ci si aspetta da un amore appena sbocciato, perché entrambi dovranno fare presto i conti con il passato, con i sensi di colpa che si trascinano ovunque vadano e che torneranno a tormentarli. Aris è un personaggio davvero affascinante, non parla quasi mai, ma a volte i suoi gesti valgono quanto un discorso o una dichiarazione. Ci sono dei passaggi che fanno venire il magone per l'intensità. Emilia, sta fuggendo dalla sua vecchia triste vita, non vuole pensarci, non vuole parlarne con nessuno, forse solo Aris riuscirà a toglierle quel peso dal cuore. Entrambi hanno paura di abbandonarsi all'amore e fidarsi degli altri, e questo potrebbe creare non pochi problemi al loro bellissimo quanto intenso rapporto. 
Credetemi, nel momento in cui, pensavo di aver capito dove sarebbe andata a parare la storia, c'è stato un colpo di scena che mi ha lasciato in preda allo sconforto, alla malinconia. Una svolta che lascia l'amaro in bocca al lettore, ma che aiuterà Emilia e Aris a crescere e superare i loro limiti e le loro insicurezze. L'ultima parte è qualcosa di veramente toccante, perchè dimostra che non è mai troppo tardi per comprendere i propri errori. 
Infine, vorrei poter esprimere un pensiero personale. Questo è un romanzo per molti ma non per tutti, e potrei anche dire che ha tutte le caratteristiche di un New Adult, affrontando temi come i rapporti familiari, tra un genitore e un figlio (a volte davvero delicati e pericolosamente in bilico), i rapporti all'interno di una piccola comunità, il valore dell'amicizia, e il tarlo dell'invidia e della gelosia, e la fiducia nella persona che amiamo, considerato che i protagonisti hanno ventitré anni. Perciò lo consiglio vivamente a tutte quelle lettrici a cui piace il genere New adult, e a quelle lettrici attempate come me, che sono alla ricerca di un romanzo che vale come una carezza sul cuore, dove le parole d'ordine sono tenerezza ed emozione.

Una lettura di estrema qualità che dimostra ancora una volta quanto il self publishing sia degno della nostra attenzione e del nostro supporto. E' anche grazie ad autrici come Laura Mercuri, se andiamo avanti nel leggere e sostenere i coraggiosi selfer, consapevoli che tra tanti, ci sono storie che puntano dritto al cuore,  capaci di creare emozioni, ciò per cui uno scrittore viene definito tale.


L'autrice

COMING SOON


martedì 30 settembre 2014

MORA SELVATICA Elisabetta Motta Recensione #youfeel

Qualsiasi cosa dirò su questo nuovo Youfeel, potrà ripercuotersi su di me come un boomerang, ma non mi nasconderò dietro un dito, non negherò di peccare di sardità, non ometterò di dire che la prima volta che ho guardato l'uomo della mia vita, non ero a Porto Cervo ma a Porto Rotondo (distano una manciata di chilometri), dove si respira la stessa magia. Sarà per quello che leggere, anzi no, divorare queste pagine è stato come rivivere qualche vignetta della mia vita. Perciò verrò tacciata di essere poco obiettiva, ma non mi interessa, perché il mood emozionante è stato  soddisfatto in pieno, le descrizioni magistrali della scenografia (l'autrice non ha fatto molta fatica a calarsi nelle cristalline acque!), inducono il lettore a sognare e sospirare, ma non fatevi ingannare dal mio entusiasmo, perché mi sono fatta trascinare dall'atmosfera, ignara che dietro quei colori, odori e sensazioni, ci fosse la vita, quella reale che ti mette alla prova ti fa volare e precipitare e poi di nuovo volare. L'amore è così, un'altalena di emozioni senza le quali la vita non avrebbe lo stesso dolce amaro sapore. Quante cose mi accomunano a Giulia, a cominciare dalle vicissitudini, per finire con le seconde possibilità. Sono mora, fui selvatica... e questa lettura mi ha trovato.


#YOUFEEL

MORA SELVATICA
Elisabetta Motta

Editore: Rizzoli
Collana: YouFeel (digitale)
Pagine: 85
Prezzo: 2,49
MOOD EMOZIONANTE




Trama

Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare della Sardegna

Marco Ravelli, affermato ingegnere romano e titolare di un’importante impresa di costruzioni, decide di mettere in vendita la sua villa di Porto Cervo, una casa che racchiude per lui ricordi di un passato doloroso. A rispondere all'annuncio è Giulia Boschi. Bellissima e affascinante, sguardo magnetico e sorriso incantatore, Giulia entra nella vita di Marco con l'intensità di un forte maestrale. L’attrazione immediata che scatta tra di loro fin dal primo istante si trasforma ben presto in una perfetta sintonia. Ma il triste passato di Marco, così come le ferite che hanno recentemente segnato la vita di Giulia, rischiano di compromettere anche il futuro. È vero che il tempo aiuta a lenire il dolore, ma sarà possibile per Marco e Giulia ritrovare la felicità?
Un’intensa storia d'amore e di sentimenti, dolce e aspra nello stesso tempro, come una mora selvatica.


Opinione di foschia75

Prendo in prestito la prima frase della trama:

Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare della Sardegna

Scordatevi gli impareggiabili Giancarlo Giannini e Monica Vitti, scordatevi le loro rocambolesche effusioni e tira e molla, l'unica cosa che accomuna questa frase alle due storie è l'afrodisiaco e terapeutico mare di Sardegna, da sempre location ideale, non solo per film, ma per la nascita di storie d'amore intense e passionali. Così sarà anche per Marco Ravelli e Giulia Boschi, due anime affini che ancora non sanno di esserlo. Perchè la vita spesso è così, dolce amara, e può capitare di incontrarsi nel momento più strano o inopportuno dell'esistenza, ma riconoscersi a primo sguardo. Sono una sognatrice?


Eppure sono convinta ancora oggi che certe coincidenze siano davvero la prova di come la vita ci dia una seconda possibilità di amare, proprio quando non lo abbiamo chiesto o non siamo pronti. Marco e Giulia si incontrano in un momento di estrema vulnerabilità, entrambi hanno perso la fiducia nell'amore, in circostanze poco allegre, e sono come i bambini che si avvicinano al fuoco ignari che presto si bruceranno. Giulia è solare, giovane, bellissima, ricorda le more selvatiche, il frutto preferito di Marco. Lui è un uomo in via di estinzione, di quelli ormai difficili da incontrare, posato, educato, sensibile e tremendamente attraente. E qui un plauso all'autrice che non si è sperticata in descrizioni da calendario, ha dato al suo protagonista maschile, ciò per cui è degno di essere chiamato uomo... il rispetto verso le donne, la pazienza di ascoltare, la delicatezza e gentilezza. Un vero eroe romance moderno. Qui parliamo di un romanzo breve, intriso di emozioni e sensazioni, di un'impeccabile equilibrio tra perdita e riscatto, tra magone e felicità. In un primo momento ho dato per scontato che fosse un romanzo dell'ottimismo e della positività, dell'amore scontato. Invece via via che la storia si apriva al lettore, mi sono resa conto che incontrarsi in un posto "ricco" e "esagerato" come Porto Cervo, non significa per chi lo frequenta, essere sollevato dal soffrire, avere un patrimonio non ti mette al riparo dall'infelicità e dal senso di ineluttabilità che a volte la vita ti mette addosso come un mantello insostenibile.

I due protagonisti hanno appena provato quel senso di impotenza davanti a una perdita (non posso dirvi di più), e ci si aspetterebbe da loro una reazione brusca e imprevedibile, invece si comportano in modo reale, come la dignità reale ci insegna a fare, e questo è un altro punto di forza di questa storia, il realismo, perché quello che capiterà a Marco e Giulia non è poi così lontano dalla realtà, e se non avessi guardato per la prima volta mio marito negli occhi, in una notte in cui avevamo Porto Rotondo tutto a nostra disposizione (a Gennaio sei padrone della Costa Smeralda), avrei forse pensato che queste cose succedono solo nei romanzi. La storia è molto più articolata di quello che può sembrare, perchè ci saranno sviluppi e i due protagonisti vivranno questa nuova esperienza inattesa tra Roma e la Sardegna, a testimoniare che non vi annoierete di certo, sollazzandovi sotto il sole, o su una barca, c'è molto di più in Mora selvatica. C'è l'occasione che la vita ti offre di essere nuovamente felice, salire sull'altalena e volare, cadere ma poi risalire, sentire quell'ebrezza che solo un nuovo intenso amore può dare.... e non solo, perchè qui troverete anche l'atmosfera che si vive in una giovane famiglia. Lacrime di felicità... quante di dolore se ne devono versare, per apprezzare appieno quelle che l'amore è tornato a dare?
Bello, reale, dolce amaro, equilibrato. Non è facile in appena 85 pagine, creare un impeccabile equilibrio di emozioni e sensazioni. Creare il mood emotivo non è semplice, Elisabetta Motta ha soffiato pathos sulla sua storia, creando emozioni. Due personaggi non scontati o già visti, sono contenta di aver letto qualcosa di diverso!



L'autrice 

Elisabetta Motta è nata a Catanzaro, ma vive a Roma. Subito dopo la laurea in Lingue e letterature straniere ha lavorato come traduttrice letteraria e successivamente ha iniziato a scrivere e pubblicare racconti per le principali riviste femminili. Da diversi anni traduce romanzi rosa. Sposata, ha due figli e ama viaggiare. Sono proprio i luoghi che visita e le persone che incontra a ispirare le storie che scrive.

lunedì 29 settembre 2014

SINTONIA D' AMORE - Fabiola D' Amico Recensione


Dopo il riscontro ottenuto  dalle Sensuali Tentazioni sull’ Orient Express, che nel complesso si è rivelato un successo personale dell’ autrice  soddisfacendo  il suo pubblico di affezionate lettrici, Fabiola D’ Amico torna con una novella tratta da un racconto di qualche tempo fa, a sfondo tragico e giocato sul tema della danza, che personalmente avevo apprezzato molto: El alma del flamenco è stato  ampliato, approfondito  e  arricchito di sensualità e tragicità secondo la sensibilità della scrittrice,   che ha finito con l’ esprimere quella che è la sua visione di Passione Pura.  Vamos a hablar  de esta historia… 

SINTONIA D' AMORE
FABIOLA D' AMICO 


Editore: Self publishing 
Genere: Romance erotico 
Pagine: 57
Prezzo ( ebook): € 0,89  

La Trama

 Parigi 1952
"Sei come la fiamma di una candela che la brezza estiva lambisce con il suo soffio delicato. Balla, niña. Balla per me".
Basta un solo sguardo perché Amelie Le Fleur s’innamori di Miguel de la Cuesta Gálvez ma non è né la bellezza del viso né la virilità del corpo che la conquistano. Mentre lui balla il flamenco, lei percepisce il dolore e la lotta interiore che lo tormentano. È come se un filo trasparente li unisse l’uno all’altra. Una sintonia d’amore silenziosa. Sono entrambi soli, lontani dalla propria casa, senza nessun familiare a sostenerli. Insieme potrebbero essere felici, ma il passato di Amelie è come un tarlo che corrode il presente dal quale non potrà sfuggire.
L’amore per il maestro di ballo è così grande che per salvarlo da se stessa, lei è disposta a tutto, persino a rinunciare a lui. Il suo nobile proposito, però, non ha tenuto conto di quanto sia grande l’amore di Miguel per lei. 


Opinione di Charlotte 

La Danza è una poesia in cui ogni parola è un movimento - Mata Hari
Sintonia d’ amore è la storia di due anime ferite che si incontrano in un contesto parigino culturalmente stimolante abbozzato mediante  pochi incisivi tratteggi: è il percorso di  due solitudini laceranti   dovute alla guerra e alle sue ripercussioni, che con fatica e  tensione emotiva arrivano  a toccarsi e a sperare.
Amelie è un personaggio  provato dal conflitto bellico,  profondamente  infelice ma determinato a realizzare un sogno,  segnato indelebilmente  nel corpo; Miguel  al contrario è tormentato nell’animo, il suo ritratto è quello di un personaggio maschile    piuttosto anticonvenzionale  che prova   nostalgia per il  suo paese, che racchiude nel suo cuore la malinconia dell’ esule, il senso di colpa del sopravvissuto . E che  trasmette questo dolore ad Amelie  ballando per lei sola in una sala semibuia  in modo struggente e impeccabile.
La bravura della D’ Amico sta nel saper trasmettere con efficacia  questa passione tragica ,  e di infondere passionalità a  protagonisti che  vibrano di emozioni represse ma infine impossibili da trattenere, destinate a traboccare dai loro animi. E   il ballo del flamenco, danza irruenta e drammatica per eccellenza, è il trait d' union  che comunica sofferenza, forza, eccitazione. Che   diventa  il fulcro del gioco della seduzione dei corpi ma soprattutto mezzo espressivo dei sentimenti :  poichè per Miguel    è fondamentale comprendere il  non detto per abbattere le barriere difensive di un’ Amelie irrimediabilmente attratta dal conturbante ballerino, ma al contempo terrorizzata dalle proprie  pulsioni; alla quale è inadeguato  avvicinarsi  con l' uso delle parole. Invece    mediante movimenti sensuali che scaturiscono dal profondo  del loro essere Amelie e Miguel riescono a dirsi quello che verbalmente   non riescono ad esternare;  e in questo scambio gestuale e istintivo  di energie primordiali   secondo me  risiede il  fascino del romanzo.
Amelie è un personaggio concreto, ben delineato, dolce ma determinato, destinato a provocare empatia in poche pagine ;  ma il  racconto è permeato dall’ Aura dell’ Uomo di Fabiola D Amico. Infatti  Miguel  innamorato si comporta un po’ come  Santiago sull’ Orient Express: è  passionale, gentiluomo, paziente, dedito totalmente alla donna che ama  e per lei disposto a rinunce, a dimostrazioni plateali e continue di affetto, seduttivo ma non sfacciato, deciso ma mai prevaricatore,  protettivo e rassicurante.
Pagina dopo pagina il lettore viene travolto da ondate  emozionali, restando pur sempre consapevole  dell’ esistenza di un passato difficilissimo da sostenere e impossibile da  dimenticare e di un possibile futuro da scrivere insieme ad un’ anima affine predestinata a rappresentare  la salvezza. Una speranza che a tratti assume anche  una connotazione religiosa.
In sintesi , come sempre quando leggo i libri di Fabiola D’ Amico sono rimasta quasi frastornata  dall' intensità della passione da lei trasmessa:  un concentrato di frasi d’ amore, di dramma, di riflessioni disperate. Se il racconto originario era meno ardente e più incentrato sulla valenza della danza, qui  abbiamo una sensualità dirompente che sfocia in erotismo più o meno trascinante a seconda della sensibilità  del lettore. Sintonia d’ amore è interessante e diverso da altri scritti erotici per caratterizzazione dei personaggi:  soprattutto quello maschile che - in controtendenza - mostra senza timore le sue fragilità e le fa diventare punti di forza e di contatto con l’ Amata. Sono convinta che chi ha apprezzato le Sensuali tentazioni sull' Orient Express  possa provare emozioni analoghe leggendo questo libro: e magari qualche  suggestione più malinconica, dovuta  al vissuto di Amelie e di  Miguel, al periodo storico rappresentato e alle  peculiarità dell' atipica novella. 


L' Autrice 

Fabiola d' Amico   è di Palermo: una mamma felice che lavora come impiegata e che ha mille idee che le ronzano in testa. 

I suoi lavori:
Un giorno da favola S.P. 
Passioni mortali  S.P 
Merry Christmas Mr. Grizzly S. P 
Il guerriero e la dama di Ghiaccio - storico edito da Miremi editore 
La compagnia delle orchidee - storico edito da Damster editore 
La Maledizione di Imhotep - storico edito da chichili 
L'indomabile Virginia - storico edito da Chichili 
Il tesoro del pirata - storico edito da Chichili 
Emozioni segrete - AAVV  Impronte d'amore Butterfly edizioni 
Lacrime aride - AA VV .365 giorni alla fine del mondo - Delos Book 
12 Aprile 2007 - AA.VV. 365 storie d'amore - Delos Book 
Oltre le luci - AA VV. 365 storie di Natale - Delos Book 
L'uomo dei sogni - oxe AAVV damster editore 
Profumo di zagara -  Romance magazine 
El alma de Flamenco - blog La mia biblioteca romantica 
Aspettando la felicità - blog La mia biblioteca romantica 
Insieme per l'eternità - blog Romantic funny
La spia ribelle - storico Lite Edition

Sensuali tentazioni sull' Orient Express - recensione QUI

NON AVRAI IL MIO SHAMPOO Barbara Solinas Recensione

Un romanzo per tutti quelli che devono ancora imparare quale sia il significato della parola cambiare.Un romanzo per coloro che hanno perso fiducia e speranza negli altri e nella vita, imparando a capire che a volte, la cosa essenziale, è riuscire a trovarla dentro di se.Un romanzo di riscoperta, di perdita e di riconquista. Perché non è mai troppo tardi per ritrovare di nuovo se stessi.




NON AVRAI IL MIO SHAMPOO

Barbara Solinas



Collana: Emma Books Life
Genere: Romanzo contemporaneo
Pagine: 146
Ebook: 2.99 €



Trama

Provate a immaginare: una mattina vi svegliate e sentite qualcosa di “peloso” sul cuscino. Pensate sia il gatto, ma non è così. Vi alzate dal letto, vi guardate allo specchio: siete quasi calve. Vi toccate la testa e i pochi capelli che avete ancora vi rimangono in mano come ciuffi derba.
È quello che accade a Gio in “Non avrai il mio shampoo”, colpita allimprovviso da una forma di alopecia areata.
“Noi portatori di testa nuda abbiamo piccole convinzioni: lalopecia capita alle persone sensibili; non è mai per caso; ti rende, tuo malgrado, migliore. Credo sia vero, ma non per meriti, piuttosto per la fattispecie della malattia stessa: lalopecia ti lascia sano, non hai dolori, non ti ricoverano da nessuna parte, non devi occuparti di tamponare ferite, di fare riabilitazione. Niente. Non fa altro che portare via la tua immagine, te la strappa di dosso come limbianchino la tappezzeria vecchia.”
E così, tra pareri medici e parrucche, vacanze al mare, vergogna e moti dorgoglio, Gio riesce finalmente a guardare in faccia la realtà e a raggiungere il traguardo più difficile, ma anche quello che dà la soddisfazione più grande: accettarsi per come è e volersi ancora più bene.


Opinione di Sybil


Gio è una donna come tante, presa nel vortice del lavoro, della casa, del marito e di tutte quelle cose che fanno parte di una vita comune. Una mattina si sveglia e si accorge di avere una grande ciocca di capelli, dei suoi capelli, sul cuscino. Superato lo stupore iniziale, che non le permette di credere a ciò che i suoi occhi le stanno mostrando di riflesso dallo specchio, inizia lentamente ad accorgersi che i suoi capelli stanno abbandonando la sua testa. Parte così un drammatico crocevia di visite mediche, pareri scientifici, cure officinali e rimedi fai da te, ma niente e nessuno riesce a far rinascere i suoi capelli e i peli del suo corpo. Dopo tanto tempo impiegato in esami clinici ed analisi, arriva la diagnosi: alopecia. Gio non vedrà più i suoi capelli, non potrà più accarezzarli, non potrà più sentire quel setoso e confortante fruscio della sua chioma al vento. Un parte di lei non esisterà più. Ben presto si accorgerà che ad abbandonarla, in quella mattina, non sono stati solo i suoi capelli, ma anche gran parte delle sue certezze. Il marito le confessa di non provare più niente per lei e l'abbandona, al lavoro le consigliano di esonerarsi almeno per un po', giusto il tempo per ritrovare il suo equilibrio. Sembra che il mondo non abbia più bisogno di lei, che tutti possano fare a meno della sua esistenza, a tal punto da farla dubitare della sua stessa utilità anche prima della malattia. Si sente come un oggetto lasciato accanto ad un cassonetto, dopo anni passati a brillare sotto i riflettori di una vita comune, ma pur sempre speciale.


“È questo che fa il dolore, ti fa perdere tempo. È il tratto comune che lega il dolore per una malattia e il dolore per altre vicende. Sei talmente coinvolto e sconvolto dagli accadimenti da non riuscire a godere di altro, anche del pochissimo, anche di un niente che non sia la tua sofferenza. Non puoi fare diversamente, ma quando te ne rendi conto hai fitte di nostalgia per ciò che hai tralasciato, di cui non ti sei accorto o che hai allontanato. È la beffa del male.”


Certamente non sarà facile per Gio arrivare a queste conclusioni, anzi, tutt'altro. Dovrà imparare a convivere con tutte le insicurezze che l'alopecia ha riportato a galla, amplificandone la potenza. Dovrà combattere con il senso di abbandono, con la solitudine e la diffidenza di chi vede nelle persone "diverse" qualcosa da cui scappare lontano. Dovrà ritrovare il coraggio e la forza di riconoscere nel suo aspetto, una nuova forza e personalità, degna di quella che aveva prima.
In una società che mette l'apparire al primo posto, potete solo immaginare quanto tutto ciò sia complicato. Soprattutto quando chi si trova a farlo, è una donna che ha perso completamente la fiducia in se stessa e negli altri, che ama rinchiudersi in casa nella confortante solitudine del suo divano, piuttosto che buttarsi nel confronto con gli altri.
Tutta la storia sarà un percorso lento e delicato, dove essere ed apparire si scontreranno ad una velocità supersonica, lasciando solo brandelli di autostima e coraggio, da quali ripartire per ricostruire se stessi. Avremo l'onore di conoscere la forza di una donna che insieme ai suoi capelli ha perso ogni cosa, l'amore, il caldo rifugio delle certezze, ma che con l'aiuto di un analista, della sua famiglia e di una cara amica, che le ha portato conforto fin giù negli abissi dove si era nascosta, riscoprirà di avere ancora con se il suo io interiore. È vero, avere i capelli ti permette di poter usufruire di tanti privilegi, ti fa sentire protetta, uguale a tutti gli altri. Gio non potrà più lanciare sguardi da dietro una ciocca di capelli, non potrà più trastullarsi con la sua frangia nei momenti noiosi della giornata, non potrà più preoccuparsi di avere l'acconciatura in ordine o di andare dal parrucchiere, non sentirà più il profumo dello shampoo e non dovrà più perdere tempo tra gli scaffali del supermercato per sceglierne la fragranza. Queste sono tutte cose che si danno sempre per scontate e che se ne capisce il valore e l'importanza solo dopo averle perdute. Per Gio è lo stesso. Aver perso tutto ciò è il suo punto di non ritorno, la sua fine, è il tassello mancante che completa un disastro. Ma sarà proprio da questa privazione che la vita le ha voluto fare, che scoprirà un'altra parte di lei, quella parte che altrimenti non avrebbe mai conosciuto. Si ritroverà ad essere di nuovo donna, con tutti gli attributi, tenace guerriera uscita vittoriosa da una logorante battaglia. Si riscoprirà cambiata, determinata a portare a termine il percorso che aveva iniziato tanto tempo prima, quando ancora la vita non l'aveva indebolita. Finalmente riuscirà a guardare il suo riflesso nello specchio, ritrovando se stessa in quello sguardo. È vero, nell'insieme qualcosa mancherà, non potrà più pettinarsi, farsi la coda di cavallo, ma chi se ne importa! L'importante è essersi risollevata, con la consapevolezza che non sono le cose che ci vengono tolte ad impoverirci, ma siamo noi stessi, con le nostre scelte e le nostre decisioni.

Un romanzo davvero imperdibile ed intensamente brillante, che ci mostrerà la forza che gli esseri umani riescono a tirare fuori nel momento in cui perdono ogni cosa.
Una storia profonda ed interiore, in cui una donna coraggiosa ci dice di non perdere mai la fiducia in noi stessi, perché è ciò che siamo e non ciò che possediamo esteriormente a renderci unici e speciali.



“Ci vuole molta sensibilità, amore ed equilibrio per accettare mutamenti radicali e molta intelligenza per non cadere nella tentazione di voler tornare a essere come eri. Non lo saresti più comunque, perché sei cambiato tu e tentare di salvare lapparenza è goffo e inadeguato. Essere e apparire vanno di pari passo e bisogna amare entrambe, in egual misura, come due figli, dai caratteri diversi.”




L'autrice




BARBARA SOLINAS è nata in unalba fredda e nevosa di gennaio.
Di quanto fosse fredda e nevosa, nei ricordi dei suoi genitori, il racconto si arricchisce di anno in anno e pare certo che solo per un caso non sia nata in un igloo di fortuna approntato in piazza, a Varese.
Da questo inizio discendono due cose:
ama follemente la neve;
ama anche di più il mare, le spiagge calde e stare al sole;
vive, è evidente, di contraddizioni.
Lavora, è una mamma, osserva, si appassiona e ha una convinzione: tutto cambia, sempre, anche quando non vorremmo.
Nella vita di tutti i giorni corre tra casa, ufficio e altre cose.
Quando si ferma e respira, scrive.
Un giorno andrà a vivere al mare.




www.emmabooks.com
twitter.com/Emma_Books
facebook.com/Emma-books