lunedì 18 agosto 2014

IL GIOCO PERFETTO Jaci Burton Doppia recensione # 1 Play by play series

Questo romanzo ha un valore particolare per me. Perché il suo arrivo in Italia è frutto di una petizione organizzata da due amiche, che scrivono su due blog letterari diversi, che hanno in comune la passione per la lettura e il genere romance in quasi tutte le sue declinazioni. Perciò appena iniziato a leggere, ho pensato che la cosa più bella che potessi fare era invitare la blogger organizzatrice della petizione, e chiederle di scrivere la sua recensione qui, dove è sempre la benvenuta!!! Spero tanto che questa sia la prima di tante occasioni nella quale l'amicizia e la stima vincono su qualsiasi altro sentimento.  Il primo romanzo della serie Play by play di Jaci Burton, ve lo raccontiamo da due punti di vista diversi, ma accomunati dalla passione per il romance erotico e per la lettura in generale. Ci è piaciuto? Continuate a leggere...


DAL 14 AGOSTO IN DIGITALE
DAL 28 AGOSTO IN CARTACEO


IL GIOCO PERFETTO
Jaci Burton

Traduzione di  Laura Miccoli
Editore: LEGGEREDITORE
Genere: Romance erotico (esplicito)
Collana: Narrativa
Pagine: 285
Prezzo: 10.20
Ebook: 4.99



Trama

Il giocatore di football professionista Mick Riley, sexy quarterback della squadra del San Francisco, è famoso tanto per il suo braccio potente quanto per le numerose avventure amorose con modelle o star del cinema. Ma quando a una festa incontra l’organizzatrice di eventi Tara Lincoln e passa la notte con lei, l’uomo decide di volerla conoscere meglio e di non desiderare che il loro incontro si limiti all’avventura di una notte. Purtroppo, Tara non è interessata ad approfondire la sua conoscenza: la donna, bella e determinata madre single di un ragazzino di quindici anni, sostiene sia già troppo impegnativo districarsi fra il lavoro e un figlio adolescente e l’ultima cosa di cui ha bisogno è farsi coinvolgere dal folle stile di vita di Mick e dalle luci della ribalta. Tara è già stata scottata una volta dall’amore, quando era ancora una ragazzina ed era rimasta incinta di Nathan, e non ha intenzione di mettere di nuovo a rischio il proprio cuore, né tantomeno quello del figlio, subendo il fascino di un donnaiolo come Mick.
Tuttavia, la passione fra i due è inarrestabile e ogni incontro successivo al primo li porta a conoscersi sempre meglio, fisicamente e mentalmente, a tal punto che diventa sempre più difficile per i due lasciar perdere il sentimento che sta nascendo fra loro.
Pur continuando a frequentarsi per tutta l’estate, i timori non si attenuano: Tara ha paura di soffrire e di trascinare con sé suo figlio, mentre Mick non si sente pronto per farsi coinvolgere in una storia seria, temendo che questo possa affrettare i tempi e portarlo a concludere la propria carriera nel football. Come se non bastasse, anche la sexy agente sportiva di Mick, Elizabeth Darnell, cerca di rovinare la loro storia, sostenendo che non porterà a nulla di buono per l’immagine di Mick e della squadra, e fa di tutto per allontanare Tara e suo figlio dal suo protetto.
Ma, nonostante i dubbi e le paure, i due scoprono di provare un sentimento che va oltre ogni cosa e riescono finalmente a mettere da parte ogni timore, abbandonandosi alla passione e all’amore.


Da buona "padrona di casa", lascio la parola alla mia cara Amica Rita, 
"in prestito" per un giorno dal blog LA MIA BIBLIOTECA ROMANTICA!!!


Opinione di Rita Gargaglione

Prima di cominciare a parlarvi di questo romanzo, arrivato in Italia grazie ad una forte mobilitazione popolare che da Facebook ha raggiunto l’editor Sergio Fanucci, vorrei ringraziare la mia preziosa amica nonché blogger eccezionale Foschia75, per avermi ospitata fra le pagine del suo magnifico blog e per essere la fautrice di questa iniziativa senza precedenti che ci ha permesso di conoscere un’autrice del calibro di Jaci Burton destinata (forse) a compensare il “dolore” per la fine dell’amatissima serie dei “Chicago Stars”, arrivata purtroppo al temuto capolinea. La storia parte come un motore diesel: a livello emotivo ti coinvolge in maniera graduale, non scatta il classico colpo di fulmine come invece è accaduto con quasi tutti i romanzi della Phillips; la Burton ha un’eleganza stilistica senza eguali ma ha anche il difetto di non approfondire a dovere i personaggi che descrive, che ad una prima impressione appaiono carenti dal punto di vista emotivo e introspettivo. A mancare è principalmente il pathos, questa storia d’amore non ha veri conflitti e si dipana banalmente fra irrilevanti incomprensioni e momenti di incandescente sensualità, in cui troviamo un uso un po’ eccessivo del “dirty talking” che non mi ha disturbata però ha reso meno fluide alcune scene che necessitavano di più romanticismo. Lo so, la prima parte della mia recensione non è esattamente entusiastica, ma è perché mi sono ripromessa di essere sempre spietatamente sincera nei miei giudizi, anche a costo di apparire severa, però adesso mettetevi comode e godetevi il resto. Come ho detto la Burton confeziona una storia che scorre in maniera piuttosto lineare, senza eccessivi colpi di scena o inutili drammi, abbiamo lui che è un aitante giocatore di Football all’apice della carriera e lei, una donna in carriera divenuta madre all’età di sedici anni, che non ha mai potuto fare affidamento su nessuno, esclusa sé stessa. Tara mi è piaciuta subito, è vero che talvolta è incoerente nei confronti dei sentimenti che prova, ma è ha uno spirito da leonessa invidiabile e soprattutto mette sempre al primo posto suo figlio, anche a costo di rinunciare alla passione e ai momenti di spensieratezza che tutte le giovani donne dovrebbero vivere. Eccoci giunte al momento clou, ossia io che vi descrivo il personaggio maschile, ebbene, lui è il classico principe azzurro dal passato turbolento che ha superato brillantemente i momenti difficili, un uomo affettuoso, gentile e indulgente, soprattutto vergine in amore, almeno fino a quando non posa gli occhi su Tara. Tara è diversa dalle donne che per lavoro è costretto a frequentare, non è appariscente e ha quella timidezza eccitante che porta il bel quarterbeck a “placcarla” senza lasciarle scampo, perché ormai Tara gli appartiene nel corpo e nello spirito. Davvero dolci i momenti in cui Mick si prende cura di Nathan, il figlio adolescente di Tara, sarà che ho sempre trovato sexy gli uomini che sono talmente sicuri di sé da comportarsi da padre pur non essendolo biologicamente, ma Mick con il suo atteggiamento ha segnato il touchdown decisivo che lo ha reso uno dei migliori uomini di cui abbia mai letto . Adesso mi chiederete : insomma, lo leggo oppure no?  La mia risposta è affermativa perché, pur non partendo col “botto”, questo romanzo ha toccato le corde giuste e mi ha fatto emozionare. E poi non dimentichiamoci di Mick, non so voi ma io ho un debole per gli sportivi muscolosi, sudati e instancabili anche in camera da letto!


Opinione di foschia75

AVVERTENZE
(perdonatemi, ci ho preso gusto!)

1. Eviterei di fare antipatici confronti con la serie Chicago Stars di Susan Elizabeth Phillips
2. Se non amate leggere parole colorite durante le scene di sesso, e non volete dare neanche una possibilità al torrido sesso "posteriore", allora consiglierei letture tipo Jennifer Probst o Jennifer Crusie.
3. Se siete intransigenti contro le imperfezioni narrative... allora non è una lettura adatta a voi.


Mi piace mettere le mani avanti, essere chiara fin dal principio. 
La prima domanda che mi sono posta quando ho chiuso il libro (e forse anche un po' prima), è stata se era valsa la pena di portare avanti una petizione per questa serie. La mia risposta è stata si, perché il primo libro di qualsiasi serie è sempre il più "imperfetto" e attaccabile, quello che pecca dell'avvio di tutta la struttura con particolare attenzione all'introduzione dei personaggi appartenenti a un gruppo sportivo (peraltro numeroso) e a una famiglia. Detto ciò sarà inevitabile, per molte (ma non per tutte), fare un parallelo con la serie di Susan Elizabeth Phillips, che con questa ha giusto in comune l'affascinante quanto "fisico" mondo dello sport e la trama di tipo familiare introspettivo. Per il resto, di simile non ho trovato altro. Nella serie Play by play, ogni romanzo sarà ambientato in un panorama sportivo sempre diverso, si comincerà col Football per proseguire con il baseball, l'hockey, l'automobilismo ecc... perciò in ogni libro avremo personaggi sempre nuovi e la comparsa di qualcuno conosciuto nel libro precedente, e in questo potrebbe ricordarci i fantastici Chicago Stars. Ma la Burton e la Phillips hanno due stili completamente diversi, la prima sicuramente più incisiva e scabrosa della seconda. I fini probabilmente sono diversi, anche se personalmente trovo che a livello psicologico entrambe affrontino tematiche importanti, quali il valore della famiglia, dell'amicizia e dell'amore verso un figlio, un padre, un uomo ecc. Che poi la Burton vada giù pesante sulle scene di sesso, di questo ero consapevole ancor prima di dar luogo alla petizione. Sapevo che l'erotismo dell'autrice era molto più a trecentosessanta gradi rispetto alla Phillips, ma non ho trovato assurdità anatomiche o fisiologiche che potessero disturbare la mia lettura, né tanto meno  ho trovato scene di violenza fisica o psicologica sulle donne (e questo per me è un punto negativo in qualsiasi romance erotico mi capiti di leggere). Qui si assiste alla nascita e crescita di una storia d'amore tra due trentenni in pieno "rigoglio" ormonale, lei se vogliamo più peperina di lui, pronta a nuove esperienze ma con i piedi spesso anche troppo piantati nella sua situazione di madre single. Il punto che mi ha colpito maggiormente sono state le dinamiche familiari, l'unione tra Mick e la sua famiglia, legami che Tara non ha mai assaporato veramente, perché cresciuta in una condizione totalmente disagiata. Nonostante le sia mancato il supporto di due genitori , lei a sua volta non ha fatto gli stessi errori con il figlio avuto in giovanissima età. Forse è una donna a tratti troppo cerebrale ma ci sta, visto tutto quello che ha dovuto affrontare per arrivare fino al presente. Di Mick Riley, ne vogliamo parlare? Per certi versi mi ha ricordato il protagonista di E se fosse lui quello giusto?. Trentenne intelligente e laureato ma con la fama di donnaiolo, impostagli dalla sua (peraltro poco simpatica) manager sportiva Elizabeth Darnell. Neanche a dirlo sarà subito attratto da quella donna totalmente diversa dalle svampite che è costretto a frequentare, e qui la Burton caratterizzerà il suo quarterback con una personalità tutt'altro che superficiale, mettendoci a conoscenza del suo passato nascosto, quello che gli ha insegnato a essere migliore. Tra Mick e Tara neanche a dirlo sarà subito fuoco inestinguibile, nonostante lei abbia un figlio che mette davanti a tutto e tutti. E anche lei farà i suoi errori di valutazione che le costeranno cari. Tra un tira e molla, più d'una incomprensione dettata dalla gelosia e dalle ingerenze della manager sportiva (le avrei detto volentieri due paroline e tirato due sberle chiusa nella spogliatoio...), si evolverà la storia d'amore e di sesso tra questi due giovani ormai in età di mettere la testa a posto e pensare al futuro. Sarei un'ipocrita se omettessi di dire che forse nell'ultimissima parte il sesso diventa troppo preponderante, anche se questo non distoglie i due protagonisti da ciò che veramente è importante... seguire quello che dice il cuore.
Sconsigliato alle amanti del sesso "didattico" e privo di audio.....


L'autrice



Jaci Burton è un'autrice di romance erotici pluripremiata,  presente nella classifica bestsellers del New York Times e USA Today,  con all'attivo oltre 50 libri. Vive in Oklahoma e quando lei non è sotto pressione per l'uscita di un romanzo, di solito è alle prese con il suo giardino "poco collaborativo", con le dispute tra i suoi cani. Guarda una quantità malsana di televisione, o perde completamente la cognizione del tempo a leggere un grande libro . Lei è un'incallita romantica e ama sempre il lieto fine in una storia (che troverai in tutti i suoi libri).



SERIE PLAY BY PLAY

Book 1: The Perfect Play   (Mick Riley  e Tara Lincoln)  FOOTBALL
Book 2: Changing the Game  (Gavin Riley  e Elizabeth Darnell)  BASEBALL
Book 3: Taking A Shot (Tyler “Ty” Anderson  e  Jenna Riley)  HOCKEY
Book 4: Playing to Win  (Cole Riley e Savannah Brooks)   FOOTBALL
Book 5: Thrown By A Curve  (Garrett Scott e Alicia Riley, cugina di Mick e Gavin)  BASEBALL
Book 6: One Sweet Ride (Gray Preston e Evelyn Hill)   AUTOMOBILISMO
Book 6.5: Holiday Games  (Gavin Riley E Elizabeth Riley)  Novella  BASEBALL
Book 7: Melting the Ice (Drew Hogan e Carolina Preston)  HOCKEY
Book 8: Straddling the Line (Trevor Shay e Haven Briscoe, ) FOOTBALL E BASEBALL
Book 9:  Quarterback Draw  previsto in America per Febbraio 2015


RINGRAZIO RITA 
di cuore, per aver accettato il mio invito, e l'editore Sergio Fanucci
per aver reso possibile questa lettura.
Ora non ci resta che conoscere il seguito della serie.

VINCITRICE DEL GIVEAWAY "Narciso o Crisantemo?" di Irene Vanni

Cari lettori, ho lasciato trascorrere il weekend di Ferragosto, prima di annunciare il vincitore del Giveaway "Narciso o Crisantemo?".
Per partecipare era richiesto un vostro commento circa il fiore al quale assocereste il vostro uomo. Sono arrivati diversi commenti, uno più carino e sentito dell'altro. Ma solo uno ha superato tutti, e ci siamo trovate subito d'accordo con Irene circa il vincitore, che ha diritto a una copia digitale del racconto erotico edito da DelosDigital.
Pertanto, prego il vincitore appena letto il suo nome di contattare il blog via mail per lasciare il suo indirizzo che verrà girato all'autrice. Ringrazio tutti quelli che hanno partecipato e che hanno usato tanta fantasia e amore. E' stato divertente e romantico leggere come vedete il vostro uomo. Ringrazio Irene per aver scelto il nostro blog per questa simpatica iniziativa, e la DelosDigital per la copia in palio.


GIVEAWAY
NARCISO O CRISANTEMO?
Irene Vanni


QUI trovate la nostra intervista a Irene Vanni.

Questa era la domanda alla quale dovevate rispondere...

A QUALE FIORE ASSOCERESTI IL TUO UOMO 
O LA TUA DONNA IDEALE? PERCHE'?

Tra le svariate risposte, che avete lasciato qui sul blog,
Irene è stata colpita da una in particolare, che vince la copia digitale
del suo racconto "Narciso o Crisantemo?"


THE WINNER IS...

MARCY!!!!

Che ha lasciato questo commento:

"Il mio uomo ideale é come una stella alpina: bello da togliere il fiato attraverso un fascino particolare, coraggioso e spezzante del pericolo tanto da riuscire a sbocciare tra le nevi del mio cuore ghiacciato!"


Queste le parole di Irene in merito alla sua preferenza:

 "La mia preferenza va alla risposta di Marcy, perché è riuscita a trasmettere in maniera evocativa e originale le caratteristiche di un fiore (e di un uomo) affascinate e singolare. Complimenti alla vincitrice!"

Marcy, appena leggerai questo post, 
manda una mail al seguente indirizzo:

sognandotralerigheblog@gmail.com

Girerò il tuo indirizzo mail a Irene.

Complimenti a tutti i partecipanti, e alla vincitrice!!!



sabato 16 agosto 2014

SOLO UNA VOLTA NELLA VITA Timothy Lewis Recensione

Per tutti coloro che non credono più o non hanno mai creduto all'anima gemella. E per tutti quelli che sanno che al mondo esiste una perfetta e complementare parte di noi stessi, quella metà esatta che ci appartiene e che, purtroppo, spesso non riusciamo ad incontrare. Magari passiamo una vita intera a chiederci dove sia, a scegliere la strada giusta per incontrarla. Poi, ad un tratto, il fulmine, la luce e scopriamo che perdersi in quei due splendidi occhi davanti a noi è la cosa più bella e naturale possibile. Che il suono di quella voce è l'unica musica che le nostre orecchie vogliono sentire. Diventiamo vagamente consapevoli della terra che gira, del soffio del vento, del cambiare delle stagioni. Ogni cosa inizia a volare intorno a noi e ci accorgiamo di quanto sia estremamente semplice saltare e buttarci a capofitto in un respiro, in un battito di cuore. Tutto quello che ci sembrava pazzesco e irrazionale, diventa tremendamente reale e in un attimo ci accorgeremo di essere spacciati. Ecco cosa succede quando due anime si incontrano e si ritrovano complici nella danza dell'amore, quando due sguardi vagabondi trovano radici uno negli occhi dell'altro. Ecco lo spettacolo del cuore.

SOLO UNA VOLTA NELLA VITA
Timothy Lewis

 Traduzione di Chiara Baffa
Editore: Giunti
Genere: Romanzo rosa
Pagine: 303
Prezzo: 14.90€

Trama

Per Adam, agente immobiliare, la casa degli Alexander è solo l'ennesima proprietà da svuotare e vendere al miglior offerente. Ma tra gli scaffali ingombri di oggetti, un vecchio album attira la sua attenzione. Contiene cartoline ingiallite dal tempo e scritte nell'arco di sessant'anni. Incuriosito,
Adam inizia a leggerle: sono piene di frasi romantiche e delicate, testimonianza di un amore incondizionato, quello tra Gabe e Pearl Alexander.
1926. Un giorno Pearl si palesa davanti al banco del pesce dove Gabe lavora: una scintilla,qualcosa che esplode dentro e Gabe e Pearl si "riconoscono" immediatamente. Da quel momento, ogni venerdì, sfidano le avversità che la vita ha in serbo per loro, Gabe scrive una cartolina d'amore a quella che chiama la sua "forever girl".
2006. Ancora sofferente per il recente divorzio, cartolina dopo cartolina, Adam mette insieme i pezzi di un vero e proprio romanzo, fatto di passione e devozione: l'unione di Gabe e Pearl è la prova che l'amore, quello vero, pu  durare una vita intera. Ma qual'è il segreto? Esiste una formula magica? È davvero possibile che questa storia sia la chiave per spalancare il futuro di tutte le persone che, come lui, sognano l'amore?
Solo una volta nella vita è la storia di un amore unico e indissolubile, quella che tutti vorrebbero vivere. Un romanzo che riempie il cuore di speranza:si, il grande amore esiste, se solo non..... Leggere per credere.

Opinione di Sybil

Devo essere sincera. Non appena il libro uscì, io mi trovavo nella libreria che di solito frequento e la copertina mi chiamò  dall'espositore delle ultime uscite. Io ho un debole per le storie d'amore, soprattutto quando si parla di lettere e cartoline scritte per più di cinquant'anni, di passioni tanto travagliate quanto spettacolari. Sento sempre una sorta di richiamo, qualcosa che mi spinge ad avventurarmi tra le foreste del cuore. Presi dunque in mano il libro e lessi la trama. Bellissima, ma purtroppo uguale a tante altre che già avevo incontrato. Più di tutti mi fece ripensare alla storia di Ira e Ruth ne La risposta è nelle stelle, un libro bellissimo, travolgente, che con la sua semplicità è riuscito a lasciarmi a bocca aperta di fronte alla potenza dell'amore.
Proprio per questo mi assalì la paura che leggere Solo una volta nella vita, sarebbe stato rileggere la falsa riga di una stupenda storia d'amore.
E lo sapete qual è il bello? É che non si smette mai di imparare! Mai!
Infatti lì per lì non lo acquistai, ma pochi giorni fa, mentre ero in vacanza, sono capitata in libreria e di nuovo mi sono ritrovata tra le mani questo libro, che in copertina ritrae due innamorati che si stringono al vento, sullo sfondo il mare e una vecchia cartolina ingiallita. Non ci penso due volte, lo prendo, non rileggo la trama e lo compro. La sera dopo già avevo letto l'ultima pagina e l'ho chiuso con una lacrima che mi scendeva dagli occhi.
Per questo non si smette mai di imparare. Ogni storia d'amore, se la si guarda con superficialità può  sembrare uguale a tante altre, ma in realtà, se ci mettiamo a scavare più a fondo, ci accorgiamo che ognuna di loro ha qualcosa da insegnarci. Ci sono  dei sentimenti nuovi da provare, emozioni sempre più intense da sentire, perché  ogni storia, per il semplice fatto che ha un suo inizio e una sua fine, non va mai data per scontata.
Se non avessi comprato questo libro, dando ascolto al mio pregiudizio, mi sarei persa un altro mattoncino da mettere nel muro delle emozioni che i libri riescono a far nascere in me. E non immaginate quanto io ami quel muro e quanto tema di perderne anche solo una piccola parte!
Bene, veniamo al racconto. Nel 2006 Adam, un agente immobiliare, trova in una delle case che sta per vendere  un fascicolo pieno di cartoline nelle quali erano scritte delle bellissime poesie d'amore. Erano le parole che Gabe Alexander scriveva da più di sessant'anni, ogni venerdì, alla moglie Pearl (che nel libro conosceremo come Huck). Intrigato da tutte queste lettere, Adam inizia a scavare più a fondo, cercando tutti i pezzi mancanti per ricostruire la loro storia. Purtroppo i due innamorati sono morti e non hanno nemmeno figli ai quali chiedere. Così si affida ai racconti della figlia della loro governante e grazie a lei riuscirà a portare di nuovo alla luce le sorti di un amore bellissimo, puro, talmente perfetto da avere l'impressione che dietro a tutto ci fosse un segreto a tenerlo in piedi. E Adam vuole scoprire qual è il segreto che riesce a far sopravvivere due cuori in mezzo alla tempesta della vita, della routine, del matrimonio e dei figli. Come si può  vivere per più di cinquant'anni insieme e guardarsi negli occhi come il primo giorno, sentire ancora quel desiderio inarrestabile di appartenere l'uno all'altro? È questo che Adam vuole imparare da loro, soprattutto dopo il fallimento del suo matrimonio.

Inizia così la storia di Gabe e Pearl. Si sono incontrati per caso in una pescheria. Si sono riconosciuti, come se per tutta la loro giovane vita non avessero fatto altro che cercarsi. Bastava scegliere un tram diverso, un'altra coincidenza e non si sarebbero mai visti. Ma il destino ha voluto questo e finalmente due paia d'occhi hanno potuto guardare alla vita senza paura, perché le due metà della stessa anima si erano riunite.
Un momento e tutto cambia. E nei loro cuori si fa largo la consapevolezza che , ora che si sono incontrati, può  avere inizio la loro vita insieme. Non perdono tempo, si sposano e iniziano a viaggiare, con il cuore, con la mente. Diventano adulti insieme e si ritrovano a condividere un cammino stupendo, fatto di salite, ma anche di discese. Come la vita di ognuno di noi.
E insieme alla loro storia, inizia anche il rituale di Gabe: scrivere ogni venerdì una poesia d'amore su di una cartolina e spedirla all'indirizzo di casa, così che Huck possa leggerla e farla diventare sua.
Quella che abbiamo davanti può  sembrare una storia già sentita e risentita, ma non fate il mio sbaglio di giudicarla prima di averne letto almeno le prime trenta pagine. Dopo non chiuderete il libro senza prima averlo finito!
C'è così tanta tenerezza e così tanto romanticismo da scuotere anche chi è più abituato a lasciarsi trasportare dalle emozioni ad alto prezzo.. O almeno riuscirà a far travolgere chi, come me, non si stanca mai di stupirsi di fronte alla forza dell'amore, di fronte ai mille modi in cui il destino riesce a scuotere le nostre strade per farle incontrare e  intraprendere il viaggio della vita.
Un viaggio che sappiamo quando inizia e con chi, ma non sappiamo quando finirà e chi sarà l'ultimo a restare. E questa è purtroppo una certezza molto pesante da sopportare, l'unico prezzo da pagare in cambio dell'amore che ci viene dato.
Torniamo così al punto di partenza, al fatto se ci sia o non ci sia il segreto che porta due persone ad amarsi per sempre. Ma in fondo sappiamo che il vero segreto è che in realtà non esiste nessuna formula magica,niente. Esiste solo la fiducia che riponiamo nelle mani di chi prende il nostro cuore, con la speranza che lo custodisca e lo nutra come  il più prezioso dono dell'universo. Poi, tutto il resto crescerà insieme a noi in quel cammino che chiamiamo vita.

" Fuggano pure
gli anni gelosi,
corrano i mesi invidiosi,
le stagioni malevole, gli amanti coraggiosi
sembreranno i preziosi tesori,
amuleti e monete,
paladini instancabili d'Amore
in fuga dal tempo.

Per sempre,
Gabe"


L' Autore


TIMOTHY LEWIS è uno scrittore e sceneggiatore americano. Per Solo una volta nella vita si è ispirato alle cartoline che suo zio e sua zia si sono scritti per sessant'anni. Due delle poesie scritte nelle cartoline del romanzo, sono state composte dall'autore stesso per la moglie. Vive in Texas con la moglie e la figlia.
Al link sottostante, il booktrailer di Solo una volta nella vita: 

venerdì 15 agosto 2014

RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO TRICOLORE #13

Puff, Pant.... eccomi!!! 
Anche se in ritardo, Buon Ferragosto a tutti!!!
Oggi è venerdì, giornata dedicata ai Selfer e agli esordienti, ma anche agli emergenti che pubblicano con piccole case editrici. So che siete tutti in relax quest'oggi, ma mi sono affezionata a questo appuntamento settimanale, e anche questa puntata è ricca di titoli.


RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO  TRICOLORE


Inizio con una raccolta di favole...



Titolo: Racconti svolazzanti
Autore: Stefano Amadei
Genere:  Raccolta di Favole per bambini
Editore: Selfer
Pagine:  72
Prezzo: 1.99
Trama: Una fantasiosa spremuta di canzoni, indovinelli e fiabe in dieci emozionanti racconti.
Stacca un biglietto per il Cinema Bianchini e potrai sapere come si formano i sogni, cosa succede ai genitori quando i bimbi vanno a nanna, qual'è la formula del miscuglio che rende invisibili, cosa fanno i gatti quando sono a zonzo.
Vieni ad incontrare Alì l'apprendista scriba, la piccola fatina Gaia e, se ne hai il coraggio, a fare quatto passi nel Giardino dell'Orco!
Contiene il racconto "Mai Stata Sognata" vincitore del 2° Premio del concorso nazionale di scrittura "Sassi&Parole" 2012 indetto dal Comune di Mercallo (Va).



Titolo: Tutti i colori del mondo
Autore: Massimo Zaina
Genere: Narrativa di viaggio
Editore: Autori Ebook
Pagine: 270
Prezzo: 2.99
Trama: C’è sempre una ragione per viaggiare. 
Che sia per curiosità, o per la necessità di trovare una risposta ai perché esistenziali; può essere per noia, o per la voglia di riappropriarsi della propria individualità. Qualunque sia il motivo, viaggiare è una fonte ineguagliabile di insegnamenti e crescita. 
Da Ottobre 2008 a Febbraio 2013 viaggiai attorno al mondo scoprendo posti che sempre avrei voluto vedere: mi riferisco ai mari del sud, a Sumatra, a Bali, alla Polinesia, al sud est asiatico, al Tibet, alla Cina, al Giappone, alla terra del fuoco, alla Patagonia, alle montagne delle Ande e dell’Himalaya e via dicendo. 
Dicono che viaggiare sia fatale ai pregiudizi (e lo è). 
Una volta lessi su un muro una frase : “La sicurezza dell’uccello in bilico su un alto ramo non dipende dalla resistenza del ramo ma dalla capacità dell’uccello di poter volare nel caso il ramo dovesse rompersi”. Adesso so che tutti i rami sono destinati a spezzarsi, siano questi relazioni, affetti, luoghi, convinzioni o sicurezze.
I presenti racconti sono stati scritti con la speranza che coloro che li leggono possano imparare a volare leggendo fra le righe.





 Titolo: La chiave della felicità
Autore: Andrea Donata Ricciardi
Genere: Narrativa rosa
Editore: Lettere Animate Editore
Pagine: 318
Prezzo: 1.99
Trama:  Rossella è una ragazza di vent’anni che a seguito di una disgrazia familiare si è trovata a dover accudire i suoi due fratelli minori da sola. 
Il suo unico scopo nella vita è di far essere felici i suoi fratelli, addirittura facendo due lavori, negando lei stessa.
Tutto questo fin quando Rossella non incontra Cristiano. Lui è un calciatore professionista e ha la fama di “donnaiolo”. Quando Rossella piomba per caso nella sua stanza d’albergo, tutto cambia nella sua vita, ma lei non si fida molto e quindi, ogni giorno, Cristiano cercherà di trasmetterle tutto l’amore che ha per lei.





Titolo: CALL ME AGAIN
Autore:  Carola Rifino
Genere: Romance erotico
Editore: Youcanprint
Pagine: 295
Prezzo:  6.99
Trama: È nella Londra più sfrenata, quella nascosta tra le facciate dei maestosi palazzi, le scintillanti vetrine dei negozi, le discoteche e i ristoranti
di lusso, che vive Kate Morgan.
La sua grigia quotidianità scorre in attesa del giorno, ormai sempre più vicino, in cui raggiungerà il suo obiettivo, per il quale è disposta a tutto…anche a perdere una parte di se stessa.
Come può, allora, una semplice telefonata stravolgere la sua vita?
Quando Kate risponde all’ultima chiamata non può immaginare che non è come tutte le altre.
Al telefono c’è lui, Karl Morris: un uomo misterioso dannatamente arrogante, con due occhi blu che ti scavano l’anima e un sorriso enigmatico.
Anche Karl, dietro la sua apparente perfezione, cela un segreto che non ha mai rivelato a nessuno e che rischia di schiacciarlo…
Il loro incontro sembra destinato a far barcollare gli assurdi e complicati equilibri delle loro vite.
Sarà forse Karl a condurla per mano in un vortice di nuove emozioni, suoni e profumi?
Porterà lui inattesi e accecanti colori nella sua routine? O piuttosto si lascerà trascinare da lei nel suo mondo?
E se lui rappresentasse l’ostacolo più grande alla realizzazione del sogno di Kate?



 Titolo:  Rouge
Autore:  Paola Secondin
Genere: Romance (tre romanzi in uno)
Editore: Lulu
Pagine: 622
Prezzo: GRATIS
Trama:  “Rouge” è un romanzo d’amore e passione nel quale le donne sono le vere protagoniste, suddiviso in tre parti come le tre donne poste al centro di ogni storia. “Rouge” è il rosso del cuore romantico di Aurore, che ritrova dopo 15 anni il suo primo amore, Jae-hwa, coronando un sogno interrotto, ma qualcosa è cambiato nella vita di Jae-hwa ed è proprio Aurore a scoprire la verità che lui non ha il coraggio di confessarle. “Rouge” è il rosso dell’anima passionale di Lyanne, che vive insieme a Tristan un’avventura estiva appassionata, e quando il loro sentimento diventa amore, Lyanne è costretta a rivelare a Tristan un doloroso passato che gli ha nascosto per non ferirlo. “Rouge” è il rosso dello spirito audace di Maire, giovane plebea celta che diviene sposa di un Re normanno come in una splendida favola, ma il cuore di Maire batte anche per Lorens, il primo cavaliere del Re, e quando un torbido segreto emerge dalle mura del castello, Maire deve affrontare la scomoda realtà scegliendo se amare Sander o Lorens




#1 Serie Battiti
Titolo: Un tuffo al cuore
Autore: Liza M. Jones
Genere: Narrativa
Editore: Selfer
Pagine: 140
Prezzo:  3.99
Trama: Victoria è una donna giovane e bella, che sta per sposare il suo uomo ideale. Ha una famiglia che l'ama alla follia, un'amica che è più di una sorella, un lavoro che la gratifica. Non le manca niente e si sente la ragazza più fortunata del mondo. Una tragedia improvvisa, però, incombe sulla sua felicità e sul futuro. Victoria dovrà imparare a sue spese che ciò che si costruisce in una vita si può perdere in un disgraziato, terribile attimo. E che non puoi riemergere dall'abisso, se prima non trovi il coraggio di tuffarti. Un tuffo al cuore, che torna a battere per amore.




Titolo: So che ci sei
Autore: Elisa Gioia
Genere: Narrativa rosa
Editore: selfer
Pagine: 358
Prezzo: 2.49
Trama: Notizia flash: il principe azzurro si è estinto. Almeno questo è quello che pensa Gioia Caputi, dopo essere tornata da Londra ed essersi ritrovata tradita e mollata dal suo grande amore, Matteo Perri, frontman di una band. Saranno le sue amiche del cuore e un incontro in un karaoke di Barcellona a far vacillare tutte le sue teorie sull'amore. Forse anche lei aveva diritto alla sua favola con tanto di happy end? 


Spero troviate la vostra scarpetta... ops infradito!!!
Buone letture e Buon Ferragosto!

TUTTO TRANNE IL VISO - Camilla Carota Recensione



Regola numero uno: non incontrare i clienti di persona.
Regola numero due: non innamorarsi dei clienti.
Scoiattoli, pennelli, Vespa  e frutta secca permettendo.
In una  cornice di precariato giovanile, un romanzo che parla di amicizia, di amore  e.. di strategie di sopravvivenza.  

TUTTO TRANNE IL VISO
CAMILLA CAROTA 


Editore: Rizzoli
Collana: Youfeel
Mood:Ironico
Pagine:127
Prezzo:  2.49 euro

La Trama 

Mai fidarsi delle apparenze, di qualsiasi tipo.
Abbandonata dal fidanzato con un post-it e sepolta dalle bollette, Marina decide di subaffittare una stanza del suo appartamento ad Alice, l’amica di un'amica, la classica ‘brava ragazza’. Ma ben presto si accorge che la sua coinquilina ha una vita molto movimentata, fatta di lingerie sexy e sussurri oltre la porta. Perché la ragazza per pagarsi gli studi fa la webcam girl e in poco tempo trasforma la casa in un luogo d’appuntamenti virtuali. Marina dapprima è scandalizzata, poi – attratta dai facili guadagni – decide di provare! Alice si offre di iniziarla all’arte della seduzione, per farla entrare nel mondo dorato dell’amore digitale in cui ci sono due regole: mai mostrare il viso e mai innamorarsi di un cliente. Ma tra Rambo, ragazzomoltocattivo e sonotuttotuo, una sera la luce rossa si accende per nocciolo.85 . E Marina inizia a infrangere una regola…. Divertente, pazzo, fuori dalle regole: da oggi una webcam vi sembrerà molto più affascinante…
Opinione di Charlotte

In Tutto tranne il viso Camilla Carota propone una storia in equilibrio fra leggerezza e oggettività con spunti di verosimiglianza, raccontando le peripezie  di una persona che sembra perseguitata dalla sorte:  rimasta single di punto in bianco,  disoccupata e sommersa da bollette da pagare.
A Roma la neolaureata Marina vive  “ alla giornata”  dopo essere stata lasciata poco elegantemente tramite  post-it dal  proprio ragazzo. Per non dover tornare dalla famiglia iperprotettiva,  al fine di dividere le spese  di casa si mette alla ricerca di un  nuovo coinquilino, e dopo alcuni farseschi colloqui fallimentari  si imbatte in Alice,  una ragazza acqua e sapone   “giovane studiosa e senza grilli per la testa “. Che non è poi così santarellina come sembra, e che con la sua verve e il suo atteggiamento propositivo e affettuoso  cambia la vita di Marina  e si rivela il suo provvidenziale angelo “ sui generis”:  aiutandola a superare la fine del rapporto sentimentale,  analizzandone insieme a lei    con comicità, cinismo e per luoghi  comuni l’ evoluzione.  Di qui la nascita di una forte amicizia fatta di estrema complicità e di gesti altruistici . 
Alice passa molte ore su Skype:  non si limita a conversare ma ha un”telelavoro”  da webcam –girl in totale anonimato. Constatando come l' amica  nonostante la buona volontà non riesca a far quadrare il bilancio domestico, le propone  di provare  a sua volta questa remunerativa attività. Marina non sa nemmeno dove stia di casa la seduzione:  dapprima recalcitrante, di fronte alla necessità e dopo l' ennesimo colloquio andati male accetta e inizia una trasformazione che a conti fatti  sarà sia fisica sia mentale. Infatti  riuscirà a saldare i suoi debiti, ma in più troverà armonia, autostima, intuirà il proprio potere seduttivo:  ripercorrerà la sua vita, il suo legame finito,  i sogni infranti, i progetti mai realizzati,  capirà di non aver mai creduto particolarmente in se stessa e nelle proprie capacità  e di aver assecondato gli altri per colpa di un disorto sentimento di inferiorità.   
Certo, quella di webcam-girl non è una " professione" da ostentare priva di effetti collaterali: per i suoi clienti Marina è  un corpo senza volto,  mercificato anche se solo virtualmente per appagarli, ingabbiato in lingerie sexy e in giochi di ruolo a richiesta. Il viso, la parte più riconoscibile, quella che rivela l’ anima, viene nascosta a tutti: ma celarsi non  basterà  alla giovane per  proteggersi dalle emozioni, quando uno dei clienti risveglierà in lei istinti e sentimenti  particolari impedendole di pensare ad altro  e mettendo in discussione  obiettivi e propositi.  
Tutto tranne il viso è un amalgama di tante componenti, nel quale per buona parte della vicenda la solidarietà femminile e il conforto che solo un’ amica è in grado di dare prevalgono sul resto. E' il racconto di una persona alle prese con problematiche concrete, che accetta  un lavoro che non avrebbe mai scelto  e lo affronta senza pudori né pruriti, senza edificazione né perdita di dignità, né tantomeno condanna:  spesso ci si sofferma sulla tenerezza,  la goffaggine, la normalità  delle due webcam- girls affiatate e affezionate l’ una all’ altra alle prese con richieste stravaganti . E in questo contesto di  promiscuità e superficialità virtuali nasce una storia d’ amore " d' altri tempi", cristallina, destinata a cambiare le carte in tavola e a riportare a galla la verità.
Lo stile del romanzo  è estremamente accattivante fatto di  scene comiche, parentesi piccanti, dialoghi intensi, momenti di coinvolgimento sentimentale:  ottenuti mediante l’ immancabile inserimento del tema culinario;  di toni scanzonati che si fanno seri quando si passa dal raccontare le " perversioni" dei  clienti a concentrarsi sull’ Unico Cliente;  della risata che talvolta rivela  retrogusto amaro.   Accostando con perizia  questi elementi, Tutto tranne il viso si rivela  una lettura fresca ma non vuota  che come in ogni romance che si rispetti  incoraggia il lettore  a mettersi nei panni  della protagonista  e a condividerne  le conclusioni scaturite  dal  percorso di crescita:   a non avere paura di andare al di là delle apparenze, di mostrare il proprio viso, i propri sentimenti, il proprio valore a chi ne farà sicuramente tesoro e sarà pronto  a ricambiare.  

L' Autrice

Camilla Carota è un nome di fantasia che racchiude rivoli di inchiostro rosa con venature azzurre. È il risultato della combinazione di tre temibili menti femminili che hanno cercato di evitare, ma non sempre ci sono riuscite, di imbrattare con cipria e ombretto il coraggioso uomo che ha sfidato la dura legge del girl power.
La pagina Facebook dedicata al libro: