sabato 26 agosto 2017

SOSPESA Veronica Deanike Recensione



Ringrazio la cara amica Bruny che mi ha consigliato questa lettura romantica, rovente, drammatica. Un libro rosa non consolatorio, non terapeutico, bensì graffiante e angosciante, fin dal prologo ad approdare all' agognato e ripagante epilogo.


Self publishing
SOSPESA 
VERONICA DEANIKE 



Genere: Romance contemporaneo 
Pagine:   383
Prezzo ( solo ebook): € 1.99
QUI il link Amazon per l' acquisto 


La sinossi
Lulu ha perso tutto… sospesa.
Colpevole?
Innocente?
Parigi, romantica e crudele, fa da cornice a una grande storia d’amore.
Ma Gerard non è l’uomo che Lulu conosceva: sguardo d’acciaio e, dentro, un fuoco che brucia di rancore. Lui è crudele, distante, inaccessibile. La sua è la lotta di un uomo che rinnega la vita.
Colpe da espiare, distanze che fanno male, anime trasfigurate e poi… la carne, che rivendica il proprio ruolo, parla una lingua atavica fatta di passione e la ragione cede a desideri torbidi ed eccessi.
È la battaglia di una donna che rivuole la propria esistenza, una donna determinata, ferita. Pronta a tutto, anche alla vendetta, disperata e dolce come l’amore.

Opinione di Charlotte 
Sospesa è un "romance da Maalox" travolgente e tormentatissimo,  dalla sceneggiatura  tanto inverosimile quanto avvincente, nel quale a farla da padrona sono fin da subito rabbia e desiderio, conditi da rimpianto  e da veri e propri traumi soffocanti. Un inaspettato, piccolo gesto sensuale e delicato inserito in un contesto di freddezza e apparente indifferenza,  innesca il processo complicato  e sofferto di riconciliazione che vede protagonista una coppia separata da un destino beffardo:    un  itinerario fatto di burrasche e di sporadiche schiarite, mirato a   portare un uomo e una donna lontani fisicamente ed emotivamente anni luce loro malgrado,   a  tornare  marito e moglie, amanti e genitori.  
E’ un percorso disseminato di ostacoli , ora autoimposti  ora  subdolamente calcolati dall' esterno,  che se il corpo riesce istintivamente e con naturalezza  a superare, l’ anima esasperata poiché  a lungo costretta ad abbandono, separazione, disperazione, fatica molto a compiere. Spesso indugiando nell’ autolesionismo e nel rimorso per poi  rimpiangere di averlo fatto, ferendo e poi consolando, avvicinandosi e poi fuggendo.
Gerard e Lulu sono due persone rotte che non riescono a  tornare insieme, ma  non possono rimanere divise: il lettore assiste ai loro tentativi ora inutili  ora proficui di  ripartire, di trovare pace, di aprire crepe  nel muro invalicabile, fragile ma durissimo, che il destino prima, le scelte di Gerard poi, hanno concorso ad erigere a protezione di preziosi ricordi  
Veronica Deanike è magistrale attraverso una  narrazione empatica , oltremodo emotiva,  nel portare all’ estasi e alla complicità i suoi personaggi salvo scaraventarli nel baratro subito dopo:  a scindere parole e azioni, sesso torbido e “ sporco”  e sentimento pulito, rappresentando in modo convincente la lotta interiore tra razionalità e istinto, tra speranza  e rassegnazione , tra la volontà di riparare agli errori e il crogiolarsi con masochismo nelle conseguenze di essi. In virtù di questo gioco di contrasti  l’ autrice riesce a rappresentare efficacemente  delle vere e proprie  trasformazioni caratteriali:  la durezza di Gerard si fa dapprima complementare, poi  interscambiabile con la fragilità di Lulu, con conseguente spontaneo  ribaltamento dei ruoli all’ interno di un legame compromesso ma di fondo sano , vivificato dalla presenza di amatissimi figli  eppure sepolto sotto macerie di dolore. Nell' incalzare di contraddizioni, l’ animo artistico di Gerard  esemplifica attraverso la realizzazione dei suoi  quadri quel che egli non riesce ad ammettere a se stesso, al contempo la determinazione di Lulu si fa strada inesorabile e supera in grandezza e in vigore le insicurezze del marito;   le interferenze esterne di personaggi secondari - in particolare Vincent  "buca la scena" e  per carisma e vissuto  meriterebbe una storia tutta per sé-  ,buoni amici dall' atteggiamento complice ancorché ambiguo, hanno poi un ruolo determinante nello sviluppo della vicenda.  
Sospesa è un  viaggio  toccante nel perdono e nella riconciliazione, nell’ incoerenza e nella solidarietà, da compiere con i fazzoletti a portata di mano, il ventilatore sul viso per affrontare gli interludi hot, la consapevolezza che ci si arrabbierà molto:  e che  l' happy end dopo il logoramento  non potrà che avere un prezzo, e non potrà prescindere da  un suggello.

L' Autrice
La pagina Facebook dell' autrice
La pagina Goodreads dell' autrice 

1 commento:

Bruny D. Rizzo ha detto...

WOW sono senza parole Charlotte per questa bellissima recensione , intanto sono felicissima di leggere che la storia di Lulu e Gerard ti è piaciuta , io come sai l"ho amato alla follia conoscendo già la penna di Veronica Deanike avendo letto prima Danneggiata ,un"altro libro che tratta una tematica molto forte che ovviamente ti consiglio .Io sono di parte perchè amo la sua scrittura che ti travolge in una maniera pazzesca ,lasiando il lettore in una esplosione di emozioni .Come hai detto anche te riguardo a Vincent che meriterebbe una storia tutta sua ,anch"io non vedo l"ora di leggere la sua storia .