giovedì 7 agosto 2014

RADICE Liliana Marchesi #1 Trilogia R.I.G. Recensione in anteprima

E' stato davvero un caso che io abbia letteralmente divorato questo romanzo in poco più di una sera, non era in programma, ma la mia curiosità da prologo ha giocato un ruolo fondamentale. Non ero minimamente preparata al vortice che mi avrebbe risucchiato in pochi minuti, quelli che mi sono bastati per "cadere" direttamente nella storia, come sputata da una macchina del tempo, catapultata direttamente nella New York del 2044. Liliana adora il genere distopico, e almeno a giudicare dal primo libro di questa nuova trilogia, le riesce molto bene scriverlo. Una storia che mi ha tenuta incollata alle pagine fino a notte fonda, io che non mastico il genere, mi sono trovata a fremere di aspettativa, in equilibrio sul filo dell'alta tensione romance-distopica, che la Diabolica Liliana ha tessuto in modo magistrale e più maturo rispetto alla sua precedente fatica.


DAL 9 AGOSTO SUGLI STORE ONLINE 


RADICE
Liliana Marchesi

#1 R.I.G Trilogy
Editore: Self-publisher
Genere: Romance distopico
Pagine: 346
Prezzo: 2.99

Trama

Una trilogia Distopica costruita sulla credenza secondo la quale l’uomo conosce e utilizza solamente una minima parte delle reali capacità del cervello.
Una Trilogia in cui cuore e mente si scontreranno in uno scenario di disordini,
passioni, complotti e atti estremi.
Una storia che sconvolgerà le vostre menti!

Un mondo perfetto in cui non vi è posto per la criminalità.
Un Sistema impeccabile, il Mind, che ha saputo estirpare il marcio dalla società e donare a tutti una vita serena e tranquilla.
Certo, le differenze fra classi sociali ci sono ancora, ma a tutti è stata data l’opportunità di vivere con dignità.
Solo una piaga affligge l’umanità: le numerose ed inspiegabili morti neonatali alle quali nessuno sembra voler dare il giusto peso. Nessuno eccetto Kendall, che si ritroverà suo malgrado coinvolta nell’incredibile verità che si cela dietro a questi decessi.
In una fredda notte di Brooklyn, la vita di Kendall Green verrà sconvolta da un incontro inaspettato che le rivelerà l’esistenza degli Orfani, una fazione segreta che è riuscita a sottrarsi al controllo del Mind e che farà di tutto per far crollare quest’impero di menzogne.

Opinione di foschia75


Le tante sfaccettature della diabolica Liliana

Non potevo leggerlo, perché avevo una pila infinita di libri... eppure...
Eppure la mia vocina, quella che finora non ha mai sbagliato, mi ha sussurrato (con la voce doppiata da Gollum) "leggi almeno il prologo", poi continui le tue letture. Eh, si, galeotto fu il mio vizio-ossessivo verso i prologhi. Aperto il libro, non sono più riuscita a chiuderlo, fino all'ultima frase. Ora, consiglierei alle tante lettrici che seguono e apprezzano Liliana, ma anche alle lettrici che la leggeranno, di godervi la lettura con parsimonia, perché una volta arrivate in fondo, i personaggi vi mancheranno non poco. E quando un autore, riesce a infondere sensazioni come la nostalgia e la malinconia da finale, allora credo abbia raggiunto lo scopo per il quale scrive... creare emozioni, lasciare sensazioni palpabili. Liliana Marchesi è come un diamante grezzo, capace, nonostante non sia stato ancora "tagliato", di riflettere in modo sempre diverso con il suo stile. Se nella precedente trilogia, si percepiva un'autrice ancora acerba, in Radice penso che abbia dato prova della sua maturazione stilistica, della sua graffiante tenacia e del suo abile gioco dello scopro le carte una alla volta. Questo suo "diabolico" modo di tenere il lettore in sospeso tra un capitolo e l'altro, tra una scena e la successiva, rende la lettura quasi adrenalinica, non riesci proprio a smettere perché vuoi assolutamente sapere cosa ha in serbo per i suoi personaggi, presentandoli passo passo, senza mai svelarli del tutto. E qui viene il bello!!! Perché Radice è un Romance distopico dove la sensuale danza dell'attrazione, di intreccia magistralmente con la suspense della distopia. La nascente attrazione tra Trevor e Kendall,  si contende l'attenzione del lettore in un perfetto intreccio con la situazione dell'umanità e di tutto ciò che il MIND ha fatto credere fino a quel momento agli ignari cittadini. Un plauso all'autrice per aver saputo equilibrare alla perfezione tutti gli elementi di un primo libro di trilogia, cosa assolutamente non facile. Vengono presentati i vari personaggi, viene spiegato quel tanto che basta (per incuriosire maggiormente il lettore) del sistema MIND, che governa la società attraverso l'uso del potere psicologico, e viene creata non poca suspense sul finire... e qui in un certo senso la nota dolente. Il finale è stato tagliato ad hoc, e per quanto mi sia dispiaciuto lasciare la scena, sono davvero colpita dalla magistrale chiusura operata da Liliana, degna conclusione di un libro primo, e arrivederci perfetto fino alla prossima puntata. Insomma un finale che crea non poca aspettativa. Povera Liliana, quando molte arriveranno in fondo, la tempesteranno per sapere quando darà vita al secondo libro.
In conclusione mi preme parlarvi del messaggio sotteso, che parla tanto dell'autrice. In Radice si parla del cervello, delle sue potenzialità e del potere legato ai ricordi. Ma si parla anche di maternità, del dono della vita e del suo valore e potere, e in questo credo che Liliana abbia davvero dato tutta se stessa ai lettori, portando dentro questa storia come una figlia, come una creatura preziosa. In questo romanzo si percepisce tutto l'amore di una madre, riversato nei personaggi. La figura materna è un elemento ricorrente, considerato da più punti di vista. Ai lettori dico, guardate dentro e oltre le righe, sappiate cogliere i diversi messaggi che l'autrice ha saputo sapientemente lasciare perché, se Radice è una storia d'amore tra passato e futuro, è anche un prezioso scrigno pieno di emozioni e sentimenti legati all'amore materno, il sentimento più potente che esista.
N.B.: E ora, proprio dulcis in fundo... a tutte le Romance addicted dico: Trevor vi stenderà con il suo sex appeal... ma attente, perché Kendall è una davvero tosta!!! Se poi come me, finite sempre per invaghirvi del "cattivo", tranquille la diabolica Liliana ha pensato a un sexy-cattivo di tutto rispetto, ma anche qui è stata un po' cattivella, dandone un irresistibile assaggio da acquolina... in attesa di Impiantare, nuova pruriginosa curiosità nei suoi lettori. 


L'Autice



Liliana Marchesi è nata nel 1983, è una giovane donna con tanti sogni nel cassetto e una gran voglia di realizzarli. Nella primavera della sua vita ha viaggiato per il mondo abbracciando diverse culture, alla ricerca di un posto con sopra inciso il proprio nome, luogo che, ironia della sorte, ha trovato esattamente nel luogo dal quale era partita, e dove vive tutt’ora con i suoi amori: il marito appassionato di motori, il figlioletto impavido amante della buona cucina e la piccola stellina (maschio o femmina non si sa) che cresce nella sua pancia e che vedrà la luce a Luglio!
Autrice di “Harmattan”, Paranormal Romance autoconclusivo ambientato in una splendida quanto misteriosa Africa, della “Trilogia del Peccato”, un’audace rivisitazione contemporanea del Peccato Originale, e di “Lacrime di Cera”, un Distopico autoconclusivo popolato da automi molto particolari.
Tutti romanzi in cui amori, intrighi, suspense e colpi di scena la fanno da padroni!
Attualmente Liliana sta lavorando ad una Trilogia Distopica che trae ispirazione dalla credenza secondo la quale l’uomo conosce e utilizza solamente una minima parte delle reali capacità del cervello. Il primo volume di questa Trilogia, “Radice”, verrà pubblicato il 9 Agosto 2014.
Ma le sorprese non finiscono, infatti Liliana ha in serbo un altro romanzo Distopico autoconclusivo, che sconvolgerà ogni leggenda esistente riguardante le sirene.
Si occupa lei di tutto ciò che riguarda i romanzi, dalla cover all'editing, dall'impaginazione alla preparazione dei file digitali per gli store online, dal montaggio dei booktrailer alla pubblicità e alla gestione del proprio sito. Ma sebbene tutto questo richieda fatica e sacrificio, è un'attività che la diverte molto.

TRILOGIA R.I.G.

RADICE (9 Agosto). IMPIANTO. GERMOGLIO

4 commenti:

Liliana Marchesi ha detto...

Dire che questa recensione mi ha lasciato senza parole... è dire poco!
Grazie di cuore!

Lorenza Marabelli ha detto...

Amo le creazioni di Liliana. Come distopico mi aveva già conquistata con Lacrime di cera, quindi non vedo l'ora di scoprire il mondo di Radice ^^

Teresa Macchia ha detto...

Wowwwwwww sempre piu'curiosa adesso , ammiro liliana le voglio un mondo di bene!!!!!!

germana1788 ha detto...

Con Radice Liliana ha superato se stessa. La sua mente diabolika ha partorito una storia così coinvolgente da farti perdere il senso del tempo e della realtà completamente immersa nel libro. Non l ho ancora finito...attendevo con ansia questa uscita...ma mi ha catturato al 100%